Riforma Rc auto: la mobilitazione nazionale parte da Bologna

Domani 11 gennaio tutti a Bologna per dire no alla rottamazione dei diritti di automobilisti e vittime della strada

10 gennaio 2014 - 13:00

Come SicurAUTO.it aveva previsto, è arrivato un regalo natalizio per le Assicurazioni: il decreto Destinazione Italia, che contiene una serie di norme a vantaggio delle Compagnie. In particolare, il risarcimento in forma specifica: in futuro il danneggiato sarà sostanzialmente obbligato ad affidarsi al carrozziere convenzionato con la Compagnia. Potrebbe anche rivolgersi al carrozziere indipendente, di fiducia, ma in questo caso dovrebbe tirare fuori di tasca propria la differenza se la riparazione fosse più costosa rispetto a quella del carrozziere fiduciario. Professionista che lavora con la manodopera (molto bassa) imposta dalla Compagnia e che quindi potrebbe non garantire adeguati livelli di sicurezza. Una norma fortemente voluta dall'Ania, l'Associazione delle Assicurazioni, che già stava per divenire operativa col Governo Monti: saltata all'ultimo soprattutto per le proteste di Federcarrozzieri (capitanata da Davide Galli), è stata riproposta dal Governo Letta, dietro forte spinta del ministero dello Sviluppo economico (su tutti, il sottosegretario Simona Vicari).

A BOLOGNA C'E' ANCHE SICURAUTO.IT – Ma gli automobilisti, che cosa ci guadagnano? Il decreto parla di “significativi sconti”. A dire il vero, piccoli ribassi, in confronto ai vantaggi per le Assicurazioni. E poi attenzione: le Compagnie potrebbero eliminare gli sconti che già fanno ai singoli automobilisti sulla tariffa base ufficiale e proporre solo il prezzo base scontato per legge senza il ribasso individuale. Proprio per queste ragioni, oltre 30 associazioni ed enti operanti nel settore si riuniscono per dibattere sulle ultime disposizioni del Governo in tema di RC Auto continua la sua battaglia, tra cui anche SicurAUTO.it in veste di relatore per evidenziare quanto possa diventare pericolosa una riparazione non corretta in caso di incidente. L'11 gennaio 2014, alle 10, a Bologna, presso lo Zanhotel Europa, di via Cesare Boldrini 11 si terrà la Giornata di mobilitazione indetta da diverse associazioni con un intento comune: la tutela dei diritti dei danneggiati, e la forte contrarietà alle misure del decreto Destinazione Italia (ironicamente ribattezzato decreto Destinazione Ania) in materia di Rc auto. “Quelle annunciate dal Governo – denuncia Galli – sono solo le ultime tra le iniziative volte a colpire vittime della strada, a danneggiare le imprese artigiane di riparazione e consumatori, a tutto vantaggio di un oligopolio di Compagnie che, negli ultimi dieci anni, si è consolidato in modo patologico con lo sconcertante consenso di Ivass (dovrebbe vigilare sulle Assicurazioni ndr) e Antitrust (dovrebbe vigilare sul libero mercato ndr), le cui posizioni si sono appiattite sul programma dell'Ania, la Confindustria delle Compagnie”.

E LA CONCORRENZA? – Secondo Galli, quello degli uomini di Letta è un programma “che vorrebbe un mercato senza concorrenza nel quale un piccolo gruppo di Assicurazioni stanno usando tutti i loro strumenti e relazioni per completare un quadro legislativo, ormai avanzato, secondo il quale il danneggiato dovrebbe essere risarcito come, dove, quanto vuole la Compagnia debitrice e solo tramite i suoi medici e riparatori. Di fronte a tale scenario illiberale e corporativo, a Bologna si incontreranno per esprimere forte contrarietà al decreto annunciato dal Governo”: l'Associazione familiari vittime della strada, il Sindacato italiano specialisti in medicina legale e delle assicurazioni (Sismla), Assoutenti, il Comitato unitario patrocinatori stragiudiziali Italiani (Cupsit), la commissione Rc dell'Organismo unitario dell'avvocatura (Oua), l'Unione avvocati responsabilità civile e assicurativa (Unarca) e Federcarrozzieri. È annunciata inoltre la presenza dei presidenti di settore di Cna, Casartigiani e Anc-Confartigianato, nonché di quei parlamentari che negli ultimi tempi si sono dimostrati maggiormente sensibili alle ragioni dei danneggiati. Nonché lo Sportello dei diritti di Gianni D'Agata. Aderiscono inoltre diversi consorzi dei riparatori. Obiettivo dell'incontro è elaborare iniziative di contrasto a tale disegno involutivo, tramite proteste mirate, emendamenti, informazione ai parlamentari e la proposta di un piano alternativo che possa salvaguardare la tutela dei diritti dei danneggiati in un quadro di mercato concorrenziale. Qui di seguito il programma, disponibile anche sul sito ufficiale http://www.mobilitazionedecretorcauto.it/PROGRAMMA PROVVISORIO 11 gennaio 2014

9:45 – 10:00

Registrazione presenze

10:00 – 10:45

Interventi dei rappresentanti delle Associazioni Promotrici

Prof.ssa Giuseppa Cassaniti Mastrojeni – Presidente AIFVS Associazione Familiari Vittime della Strada

Dott. Furio Truzzi – Presidente Assoutenti

Dott. Stefano Mannacio – Presidente CUPSIT Comitato Unitario Patrocinatori Stragiudiziali Italiani

Davide Galli – Presidente Federcarrozzieri

Claudio Cangialosi – Direttore SicurAUTO.it

Gianni d'Agata – Presidente Sportello dei Diritti

Avv. Settimio Catalisano – Coordinatore Commissione Responsabilità Civile Organismo Unitario dell'Avvocatura

Avv. Fabio Quadri – Presidente UNARCA Unione Avvocati Responsabilità Civile Auto

Roberto Barbarino – Delegato MOBAST

Avv. Giuseppe Mazzucchiello – Presidente Associazione Valore Uomo

Prof. Dott. Raffaele Zinno – Segretario SISMLA Sindacato italiano specialisti medicina legale e delle assicurazioni

10:45 – 11:00

Interventi dei Consorzi

11:00 – 11:40

Decreto Destinazione Italia

Il mercato RC Auto e gli effetti del DL 145 su consumatori, danneggiati e imprese artigiane.
Presentazione proposte emendative e iniziative di lotta.

Avv. Massimo Perrini – Segretario Commissione RC OUA Organismo Unitario dell'Avvocatura

Davide Galli – Federcarrozzieri

11:40 – 12:30

Interventi dei Parlamentari
Moderatore: Tommaso Caravani (Car Carrozzeria)

On. Cristina Bargero (PD) – Commissione Finanze – Camera

On. Matteo Biffoni (PD) – Commissione Giustizia – Camera

Sen. Daniele Gaetano Borioli (PD) – Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni – Senato

On. Andrea Colletti (M5S) – Commissione Giustizia – Camera

On. Marco Di Stefano (PD) – Commissione Finanze – Camera

Sen. Altero Matteoli (FI) – Presidente Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni – Senato

On. Paolo Russo (FI) – Commissione Agricoltura – Camera

Sen. Gian Carlo Sangalli (PD) – Commissione Bilancio – Senato

12:30 – 13:00

Interventi programmati

Nicola Nascosti (FI) – Consigliere Regione Toscana

Avv. Matteo Mion – Giornalista – Quotidiano Libero

13:00 – 13:30

Interventi dei Presidenti delle Confederazioni

Mario Coltelli – Presidente Casartigiani Riparazione

Silvano Fogarollo – Presidente Nazionale Carrozzieri Confartigianato

Franco Mingozzi – Presidente CNA – Servizi alla Comunità

13:30

Chiusura dei lavori

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 6 marzo 2021

DPCM Draghi 6 marzo 2021: bozza e regole fino a Pasqua [PDF]

Il MIT cambia nome: nasce il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili

Covid-19: lo smog rafforza il virus, lo studio in 82 città italiane