Richiamo Toyota negli USA: si staccano i pannelli sui montanti

Il più grande distributore di Toyota del mondo sta richiamando alcune vetture i cui pannelli di fibitura possono staccarsi e ferire i passeggeri

20 dicembre 2011 - 13:49

Southeast Toyota Distributors LLC, la più grande catena in franchising di concessionari Toyota del mondo che copre cinque Stati americani (Florida, Georgia, Alabama, North Carolina e South Carolina), sta richiamando un totale di 518 esemplari di Toyota Corolla dei model year 2010 e 2011 e Toyota Sienna del solo model year 2011.

DANNI DA AFTERMARKET – L'operazione di richiamo tecnico riguarda solo le vetture equipaggiate con dispositivi Bluetooth o navigatori o sistemi di intrattenimento con schermi lcd sospesi installati in aftermarket e di origine non-Toyota. Si è scoperto che durante il loro montaggio gli installatori potrebbero aver danneggiato le clips di fissaggio dei pannelli di finitura che ricoprono i montanti anteriori delle vetture. In caso d'incidente, le clips potrebbero cedere e far sì che i pannelli si stacchino dalle loro sedi causando ferite ai passeggeri.

NUOVE CLIPS – Il severissimo Nhtsa americano, sempre attento a tutto iò che riguarda la sicurezza strdale, ha disposto il richiamo a carico dei concessionari anche se il problema riscontrato non riguarda tanto il progetto o la costruzione delle vetture quanto il montaggio di accessori non originali in merito ai quali la responsabilità, a rigor di logica, dovrebbe essere dei proprietari delle vetture o degli installatori ai quali questi si sono rivolti. Il rimedio consiste nella controllo e nell'eventuale sostituzione gratuita da parte delle officine Toyota di tutte le clips che fissano i pannelli incriminati. Le operazioni di richiamo sono in corso e dovrebbero concludersi entro il mese di dicembre.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B