Renzi, Lupi e il mistero IPT

Renzi vuole eliminare via il bollo, Lupi intende rincararlo per cancellare l'IPT

29 aprile 2014 - 12:00

Non vivono su due pianeti diversi, non fanno parte di due Governi differenti. Eppure, il premier Matteo Renzi e il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi si contraddicono in materia di bollo auto, la tassa sulla proprietà della macchina da versare alla Regione di residenza.

COSA VUOLE RENZI – Come SicurAUTO.it ha subito messo in evidenza, Renzi mira a una trasformazione del bollo auto da imposta di proprietà a tassa di circolazione: sono soldi, lo ricordiamo, che vanno alle Regioni. Una tassa che negli anni è divenuta sempre più pesante, con l'ulteriore aggravio del superbollo per auto potenti. Chissà, si potrebbe ipotizzare che Renzi pensi a scaricare sul prezzo della benzina un sovrapprezzo tutto sommato modesto per coprire il gettito del bollo che verrebbe a mancare. Inoltre, il premier vuole una rimodulazione dell'imposta provinciale di trascrizione (IPT) per i passaggi di proprietà, rendendola proporzionale al valore commerciale del veicolo. Anche questa sempre più pesante. Per quanto riguarda specificamente l'auto, infatti, Renzi ha fatto un riferimento esplicito a pagina 35 della sezione PNR (Piano nazionale di riforma) del DEF, approvato dal Consiglio dei ministri nella seduta delll'8 aprile 2014.

CHE COSA HA DETTO LUPI – Il ministro dei Trasporti, sentito da Quattroruote, intende abolire l'IPT, compensandola con un aumento del bollo auto. Il primo problema è che questa non è per nulla l'intenzione di Renzi, il premier dell'Esecutivo di cui fa parte Lupi. Ma al di là di questo non trascurabile dettaglio, come scrive Maurizio Caprino sul blog Strade sicure, quella proposta non è di competenza di Lupi. “Che ne pensano al ministero dell'Economia?”, si chiede ironicamente Caprino. Alla fine, il dubbio rimane. Lupi continua a far parlare di sé grazie ai numerosi annunci che riguardano il mondo dell'auto; dalle strisce blu illegittime ai falsi autovelox nei box arancione ritenuti irregolari; fino al documento unico per far pagare meno l'automobilista. Moltissimi proclami, ai quali non sono seguiti fatti. È la solita politica delle parole?

1 commento

Daniele
10:08, 30 aprile 2014

Giusto sarebbe una Tassa sul passaggio di proprietà in base al valore …
oggi una piccola utilitaria , oltre i 10 anni … valore circa 1'000 euro , paga circa 450 euro di passaggio di proprietà ( trascrizione ) … Assurdo !!!!
Assurdo anche aumentare ancora il bollo … come sostiene Lupi ..

continuate cosi' .. e vedrete circolare SOLO TARGHE ESTERE !!!!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tesla Berlin, incendio all’impianto riciclaggio nella Gigafactory

Blocco auto Veneto 2022 e 2023

Blocco auto Veneto 2022 e 2023: le misure antismog

Auto usate: gli italiani preferiscono ancora le diesel