Rca da casa: sarà più semplice

Dal 1° settembre 2013, gli assicurati potranno chiedere l'attivazione di un'area riservata, a cui accedere alla propria posizione assicurativa

23 luglio 2013 - 9:00

Chiamatela Rc auto da casa: grazie a un provvedimento dell'Ivass (istituto che vigila sulle Assicurazioni), tutto sotto controllo con un computer.

HOME INSURANCE – L'Ivass  pubblica il provvedimento in materia di home insurance, dando attuazione all'articolo 22, comma 8, del decreto legge 18 ottobre 2012, n.179 recante  urgenti per la crescita del Paese (parliamo del decreto “sviluppo bis”). Consentirà ai consumatori che stipulano una polizza di assicurazione di chiedere l'attivazione, nel sito Internet della Compagnia d'appartenenza, di un'area riservata, a cui accedere con modalità protetta, per consultare in tempo reale la propria posizione assicurativa.

TUTTO RAPIDO – L'applicazione della Home Insurance semplificherà e velocizzerà, come accade per la gestione online del conto bancario mediante Home Banking, il rapporto tra l'assicurato e l'impresa di assicurazioni: diventerà più immediato e trasparente. Ci sarà la possibilità di accedere alle informazioni in qualsiasi momento (pure nei giorni festivi o, tramite i dispositivi mobili, dai luoghi di vacanza). Nell'area riservata della Home Insurance saranno sempre consultabili le coperture assicurative in essere, le condizioni contrattuali sottoscritte, lo stato dei pagamenti dei premi e le relative scadenze, per i contratti di Rc auto, anche l'attestazione sullo stato del rischio. Saranno invece per il momento escluse le coperture assicurative riguardanti rischi relativi a flotte e di veicoli a motore o di natanti; grandi rischi; rischi agricoli stipulati ai sensi del Dl 29 marzo 2004 n. 102 e ai relativi contratti integrativi; rischi connessi a eventi specifici circoscritti in un limitato arco temporale; rischi accessori a un prodotto o servizio in cui l'importo dei premi complessivamente dovuti per la copertura, indipendentemente dalle modalità di rateazione, non sia superiore ai 100 euro; rischi assicurati con contratti collettivi stipulati “per conto di chi spetta” ai sensi dell'articolo 1891 del Codice Civile.

UN SERVIZIO GRATUITO – Le imprese d'assicurazione dovranno sempre garantire la gratuità e la continuità del servizio e la fruibilità della connessione da qualsiasi postazione, oltre che indicare nel sito modalità di contatto idonee a fornire tempestiva assistenza agli utenti nel caso di difficoltà di accesso o consultazione. Le imprese si impegnano inoltre ad aggiornare le informazioni contenute nelle aree riservate con una tempistica coerente con le caratteristiche della copertura assicurativa Rca a cui si riferiscono, e a indicare chiaramente la data di aggiornamento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo