Rc auto: Tutor e autovelox la controlleranno dal 2014?

Secondo indiscrezioni, ci siamo: dall'anno prossimo, Tutor e autovelox controlleranno la Rca

23 settembre 2013 - 8:00

Stando a indiscrezioni delle scorse ore, dal 2014 le telecamere (in particolare autovelox, Tutor e quelle delle Ztl) aiuteranno a scovare chi viaggia senza Rca.

DOVE NASCE IL PROBLEMA – La premessa è che in Italia circolano 4 milioni di veicoli sprovvisti di copertura assicurativa, di cui 2,8 milioni sono vetture. Sono più dell'8% del totale e il mancato incasso per le Compagnie sfiora i 2 miliardi di euro. Se la percentuale degli irregolari è del 9% tra gli automobilisti, il dato sale al 15% tra i motociclisti e al 17% tra i conducenti di furgoni. Il fenomeno si manifesta meno con i mezzi pesanti (4% del circolante), gli autobus e i pullman (2%), grazie ai più frequenti controlli su strada. L'Aci, qualche tempo fa, ha stimato il numero degli illeciti con una sperimentazione condotta nella capitale attraverso i varchi Ztl, d'intesa con la Polizia locale e l'Ania (l'Associazione delle Assicurazioni). Desta preoccupazione anche il fatto che l'83% degli escavatori e delle macchine da lavoro sia risultato sprovvisto di copertura assicurativa, così come il 66% delle microcar.

SE NE PARLA DA PARECCHIO – Come SicurAUTO.it ha avuto modo di dire in anticipo, a novembre 2011, è stato introdotto il comma 4 ter all'articolo 193 del Codice della strada: “L'accertamento della mancanza di copertura assicurativa obbligatoria del veicolo può essere effettuato anche mediante il raffronto dei dati relativi alle polizze emesse dalle Imprese assicuratrici con quelli provenienti dai dispositivi o apparecchiature omologati ovvero approvati per il funzionamento in modo completamente automatico e gestiti direttamente dagli organi di Polizia stradale”. La violazione dell'obbligo di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli può essere rilevata, dandone informazione agli automobilisti interessati, anche attraverso i dispositivi, le apparecchiature e i mezzi tecnici per il controllo del traffico e per il rilevamento a distanza delle violazioni delle norme di circolazione. E il Tutor rileva la velocità media registrando il passaggio di tutti i mezzi, anche se non commettono alcuna violazione. Potenzialmente, il Tutor è uno strumento implacabile per scovare i furbetti senza Rca. Ma a quanto pare, anche l'autovelox servirà, dal 2014, a questo scopo.

MASSIMA CAUTELA – Come spiegato su, sono parole che risuonano nelle stanze importanti (Parlamento, ministeri) da tempo: non resta che aspettare e verificare se si passerà a fatti concreti, e se le attuali e insistenti indiscrezioni diverranno realtà. Non va trascurato anche il fatto che chi circola senza Rca ha molte più probabilità, in caso di incidente, di scappare: così, non viene sanzionato per mancanza di Rca, e non deve sborsare l'indennizzo di tasca propria. Il controllo tramite telecamere servirebbe anche a debellare questo fenomeno in crescita: la pirateria stradale. Insomma, una tutela in più per le possibili vittime della strada, non lasciate troppo tempo sul teatro dei sinistri senza soccorso (talvolta, sono proprio quei pochi minuti a consentire a un uomo di sopravvivere); e un beneficio a livello assicurativo, con maggiori introiti per le Compagnie che si tradurrebbero in un raffreddamento delle tariffe (almeno in teoria).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?