RC auto IVASS prezzi

RC auto, per IVASS prezzi ancora in calo: -2,7% nel 2019

Pubblicato il nuovo bollettino statistico sulla RC auto: per l'IVASS i prezzi sono ancora in calo, registrato un -2,7% sul premio medio annuo nel IV trimestre 2019

16 marzo 2020 - 15:19

Nel IV trimestre del 2019 è proseguito il trend in calo dei prezzi RC auto in Italia. Il nuovo bollettino statistico dell’IVASS riporta infatti che la tariffa effettivamente pagata per i contratti dell’assicurazione auto obbligatoria è risultata pari a 404 euro, in diminuzione del -2,7% su base annua. In discesa, ma sempre vistosa, anche la forbice di differenza tra il premio pagato a Napoli e quello pagato ad Aosta, le province simbolo della disomogeneità territoriale dei prezzi, passata al netto delle imposte da 236 a 226 euro. In aumento le polizze con scatola nera.

RC AUTO: PREZZI IN CALO GIÀ DA QUALCHE ANNO

Dicevamo del trend in discesa ormai da qualche anno e in effetti nel IV trimestre 2014, quindi cinque anni prima dell’ultima rilevazione, il premio medio era ancora di 475 euro. Che in un solo lustro, quindi, il prezzo della RC auto sia sceso di oltre 70 euro deve considerarsi un bel successo, ma si può fare ancora meglio. Molto buono anche il dato sul medesimo periodo del 2018: premio giù di 11 euro (-2,7%), una flessione assai più marcata degli anni immediatamente precedenti. Andando più nello specifico, nel IV trimestre 2019 il 50% degli assicurati ha pagato meno di 360 euro, quindi ben sotto la media nazionale, il 90% meno di 630 euro e solo il 10% meno di 223 euro.

RC AUTO IN ITALIA: DOVE COSTA DI PIÙ E DI MENO

Nonostante la generalizzata diminuzione dei prezzi sul territorio nazionale, le più elevate riduzioni si sono viste nelle province del sud Italia, con un massimo del -6,9% a Caltanissetta. In altre cinque province si sono invece registrate riduzioni superiori al 5% (Vibo Valentia, Enna, Agrigento e Taranto e Reggio Calabria), mentre ad Aosta e a Isernia ci sono stati trascurabili incrementi rispettivamente del +0,4% e del +0,04%. Il capoluogo della Valle d’Aosta resta tuttavia la terza provincia meno costosa d’Italia, dietro Oristano ed Enna e davanti a Biella, Pordenone, Campobasso, Potenza, Udine, Belluno, Cuneo, Novara, Gorizia, Verbano-Cusio-Ossola e Asti. Viceversa le province dove la RC auto costa di più sono localizzate soprattutto in Campania e in Toscana: Napoli, Prato, Caserta, Massa-Carrara, Pistoia, Firenze, Crotone, Lucca, Latina e Reggio Calabria.

RC AUTO IN ITALIA: SPOPOLA LA BLACK BOX

Il 23,3% delle polizze RC auto stipulate nel IV trimestre del 2019 ha previsto una clausola con effetti di riduzione del premio legata alla presenza di scatola nera, con un aumento del +1,1% su base annua. Persistono tuttavia alcune differenze territoriali del trend del tasso di diffusione della black box. Nelle province del Mezzogiorno è aumentata infatti solo grazie al bel salto in avanti, superiore al +3,0%, registratosi in tre sole province (Matera, Caserta e Catanzaro). Mentre nel nord la crescita della scatola nera è risultata più omogenea. Ricordiamo che gli sconti sui contratti RC auto muniti di scatola nera sono ancora facoltativi, seppur ormai largamente utilizzati, perché manca da due anni e mezzo il decreto attuativo della legge che li ha resi obbligatori.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Previsioni traffico Natale 2019

Previsioni traffico 7, 8 e 9 agosto 2020, il weekend più caldo

Auto in panne: nel 60% la guida autonoma di livello 2 non le riconosce

Guida acquisto Auto Usata

Parco circolante Italia: nel 2020 il 60% ha oltre 11 anni