Rc auto, la rivoluzione delle liberalizzazioni è legge

Il Decreto liberalizzazioni, ormai Legge, rivoluziona il settore Rc auto, a partire dai risarcimenti

27 marzo 2012 - 10:00

Ci siamo: il Parlamento ha approvato il Decreto liberalizzazioni, e si attende solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Un provvedimento che incide su numerosi settori dell'economia italiana, in particolare sulla Rc auto, a partire dai risarcimenti per le lesioni lievi.

DISTORSIONE – È una delle piaghe della Rca, e da sempre le Assicurazioni lamentano un numero di truffe esorbitanti, specie al Sud: parliamo della distorsione del rachide cervicale dovuto al colpo di frusta, in seguito a tamponamento. Fino a ieri, le lesioni lievi come questa (entro nove punti percentuali d'invalidità permanente) venivano risarcite sulla scorta dei sintomi: era sufficiente lamentare il dolore. Una strada facile per chi voleva mettere in piedi una frode, e in generale per la criminalità organizzata del Meridione, che ha messo in piedi un business da 80.000 truffe l'anno, molte delle quali legate ai tamponamenti che non sono mai avvenuti. Ma la Legge liberalizzazioni è chiara: “In ogni caso, le lesioni di lieve entità, che non siano suscettibili di accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente”. E cosa s'intende per esame strumentale? Quello classico è la radiografia. Col documento, scatta l'indennizzo; senza, si resta senza rimborso. Non solo: per chi danneggia beni assicurati o si infligge mutilazioni al fine di compiere una frode, la pena minima passa da sei mesi a un anno; quella massima da quattro anni arriva a cinque.

ORA LE RCA CALINO – Sin da subito, l'Associazione familiari vittime della strada, o altri organismi come il consiglio nazionale dell'Ordine degli psicologi, s'è battuta inutilmente contro la norma (per la precisione, il danno lieve è stato cambiato tramite emendamenti “fotocopia” dei senatori, che rispecchiavano in pieno la posizione dell'Ania, la Confindustria delle Assicurazioni). Infatti, ora i meno abbienti non potranno sostenere gli oneri di costosi accertamenti strumentali. Il tutto calpesterebbe l'articolo 32 della Costituzione: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”. Per non parlare del fatto che, per combattere le truffe, potrebbero andarci di mezzo le persone oneste, le quali hanno davvero dolore (o soffrono di depressione post colpo di frusta), non risultante da alcuna radiografia. A questo punto, però, la nostra idea è che le Assicurazioni non abbiano più alibi: gli automobilisti hanno diritto a che le Rca scendano, e non di poco, specie al Sud.

MA QUALE TARIFFA UNICA – S'è tanto parlato di tariffa unica in Italia, per gli automobilisti virtuosi che otterranno una riduzione automatica del premio sulla Rc auto, nella misura relativa alla propria classe di appartenenza: nessuna differenza fra Nord e Sud. In realtà, le Compagnie si sono affrettate a interpretare il Decreto (ora Legge) a loro modo: i parametri che incidono sulla Rca sono numerosi. Quindi, è la conseguenza che ne traiamo noi, il meridionale continuerà a pagare tariffe più salate, anche se potrà godere di qualche lieve sconto se virtuoso.

CONTRASSEGNO ELETTRONICO – Poco si sa del contrassegno Rca, che verrà smaterializzato per evitare che qualche “furbetto” circoli con documenti falsi o clonati. Ma cos'è il contrassegno elettronico del futuro? La Legge liberalizzazioni non specifica. Idem per la scatola nera: qual'è lo sconto per chi la fa installare?

PREVENTIVI – Gli agenti dovranno proporre ai clienti tre preventivi: uno del proprio Gruppo assicurativo, altri due di altri Gruppi. Pare francamente difficile che questo provvedimento stimoli la concorrenza: un agente monomandatario dovrebbe favorire un Gruppo assicurativo che non rappresenta. Ecco, forse nel Decreto, è mancata la spinta alla concorrenza fra Assicurazioni: strano per un provvedimento che dovrebbe liberalizzare il mercato…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Quanto costa parcheggiare a Malpensa?

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?