Rc Auto, cambia il CID: dal 1° giugno 2004 c'è il modello amichevole per gli incidenti con lesion

(ASAPS) MILANO - Per riscuotere un risarcimento assicurativo le cose saranno presto più facili. Infatti, a partire dal prossimo 1° giugno 2004, anche i sinistri stradali con feriti - che vedano...

12 giugno 2004 - 18:05

(ASAPS) MILANO – Per riscuotere un risarcimento assicurativo le cose saranno presto più facili. Infatti, a partire dal prossimo 1° giugno 2004, anche i sinistri stradali con feriti – che vedano coinvolti due veicoli – potranno essere risarciti direttamente dall'assicuratore del veicolo sul quale stavano viaggiando conducente e passeggeri, fino ad un importo di 15.000 euro.

Buona parte del merito – come si legge nel comunicato stampa dell'Ania (l'associazione tra le imprese assicuratrici) – va al Governo, che con il protocollo d'intesa Ania-Governo-Associazioni Consumatori del 5 maggio 2003, “ha portato alla definizione di valori uniformi per la valutazione economica e medico legale del danno alla persona”.

Il mercato assicurativo italiano, infatti, dispone ora di una procedura di indennizzo diretto che sarà estesa anche alle lesioni e che arriverà oltre il risarcimento fino ad oggi riservato ai soli danni ai veicoli. Naturalmente, per arrivare ad una definizione bonaria della vertenza, occorrerà che il nuovo modello CID, la constatazione amichevole, sia compilato e sottoscritto dai due conducenti.

Un accordo delle due controparti, infatti, consentirà al conducente ed ai passeggeri che abbiano subito danni alla persona, di rivolgersi direttamente all'assicuratore del veicolo su cui stavano viaggiando, evitando di andare alla ricerca dell'assicurazione del responsabile dell'incidente per il risarcimento delle lesioni eventualmente subite.

Resta invece invariata la procedura per ottenere l'indennizzo diretto in caso di soli danni alle cose. Questa nuova procedura, oltre che portare un indubbio vantaggio alle compagnie, consentirà un indennizzo diretto per oltre il 95% delle lesioni riportate in sinistri stradali, quelle cioè di valore fino a 15mila euro, gestite in procedimenti senza contenzioso. Alla fine i clienti potranno avere un rimborso più rapido, secondo le tabelle economiche e medico legali predisposte dalGoverno in materia di valutazione del danno biologico, entro 45 giorni contro i 90 previsti dalla legge.

Il CID, dunque, (Convenzione Indennizzo Diretto) cresce e vive oggi un ampliamento dopo un collaudo che ha dimostrato nei suoi primi vent'anni la capacità di resistere ad un mercato saturo e nevrotico, risarcendo – secondo l'Ania – oltre 26 milioni di sinistri con soli danni ai veicoli. “Per la realizzazione di questa nuova iniziativa – ha detto il presidente di Ania Fabio Cerchiai – sono stati determinanti i provvedimenti legislativi che, grazie all'azione del Governo, hanno permesso di avere su tutto il territorio nazionale valori uniformi per la valutazione economica e medico legale del danno alla persona”.

Non si tratta però di un fulmine a ciel sereno, ma di un impegno che il Consiglio dei Ministri e l'Ania stessa avevano assunto con i rappresentanti dei consumatori. Soddisfazione è stata espressa anche dal presidente del Consorzio CID Carmelo De Marco. “26 anni di operatività della CID – ha detto De Marco in una nota – ed oltre 26 milioni di danni ai veicoli indennizzati dalle compagnie sono la dimostrazione che gli automobilisti hanno compreso i vantaggi offerti da questa procedura: rapporto di fiducia e facilità di contatto con la propria compagnia, riduzione dei motivi di contrasto sulle modalità dell'incidente, obiettività e trasparenza nella determinazione del risarcimento, tempi di gestione della pratica complessivamente più brevi”.

Indirettamente – dicono all'Ania – l'estensione del rapporto assicuratore-assicurato, porterà all'assicurato l'opportunità di valutare personalmente i servizi ricevuti dalla compagnia che ha scelto e di apprezzarne la qualità e consentirà all'assicuratore di fidelizzare il proprio cliente competendo sulla qualità delle proprie prestazioni. “Riteniamo – dice Ania nel comunicato stampa – che il trasferimento della positiva esperienza della CID anche ai sinistri nei quali è in discussione il risarcimento di un danno molto più complesso di quello al veicolo, il danno alla persona, dal 1° giugno farà fare un grosso passo in avanti nella direzione della semplicità di utilizzo, efficienza del servizio e trasparenza dei rapporti con l'assicurato”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sciopero 25 febbraio 2022 metro bus

Fermata autobus: regole per veicoli e pedoni

Auto incidentata: si possono contestare i rilievi della polizia?

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa