Punti patente, via al primo corso. per uno solo

Treviso - E' un giovane agente di commercio trevigiano la prima e unica persona nella Marca a iniziare la prossima settimana il corso di recupero dei punti patente. Un corso tutto per lui. Sì,...

18 ottobre 2003 - 15:26

Treviso – E' un giovane agente di commercio trevigiano la prima e unica persona nella Marca a iniziare la prossima settimana il corso di recupero dei punti patente. Un corso tutto per lui. Sì, perché dei 20 punti ne ha persi ben 18: erano 9, ma la sua patente era stata conseguita da meno di cinque anni al momento dell'infrazione, commessa e contestata prima del 12 agosto scorso, giorno in cui è caduta la norma della penalizzazione per i guidatori più giovani.

Il ragazzo, quindi, avendo mantenuto due miseri punti nella patente B, indispensabile per il suo lavoro, è dovuto ricorrere alla Motorizzazione, chiedendo lumi sul da farsi. Ma nemmeno lì gli hanno saputo rispondere, costringendo il giovane e l'autoscuola da lui scelta (l'Ica di via Toniolo a Treviso) a una lunga, lunghissima trafila di domande al Ministero, fino alla bella notizia di ieri: il solerte agente di commercio da lunedì potrà iniziare il recupero dei suoi punti.

Le lezioni si articoleranno secondo un programma elaborato dall'autoscuola e dalla stessa Motorizzazione: per un totale di 12 ore da espletarsi in due settimane, 1 ora di segnaletica stradale, 4 di comportamento su strada, 2 per le dinamiche dei sinistri, 2 per i pericoli nell'uso di alcol o droghe, 1 per le responsabilità civili e penali e il primo soccorso, 1 per le disposizioni sanzionatorie, 1 per l'uso degli specchietti e la sicurezza stradale.

I punti recuperabili saranno 6, ma se per i prossimi due anni non commetterà reati o incidenti, gli verranno reintegrati anche gli altri. Il costo del corso ammonta a 150 euro, ma l'autoscuola Ica ne spenderà ben di più tra domande alla Mctc, richieste al Ministero, oltre all'allestimento di una stanza particolare (teoricamente obbligatoria per legge) e all'impiego di un insegnante qualificato.

“Ne avremmo fatto volentieri a meno – commenta Renata Cappellazzo dell'Ica – Questo corso è stato attivato solo per la nostra buona volontà, perché se aspettiamo le direttive dal Ministero, stiamo freschi Anzi, sono loro che dovrebbero pagare noi per l'odissea che ci fanno passare!”.

Fonte: Il Gazzettino on Line

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Passo carrabile

Voltura passo carrabile: come si richiede

Test Gomme Invernali 2020: 2 bocciati per lacune su asciutto

Auto incastrata in una strada stretta

Auto incastrata in una strada stretta: chi paga i danni?