“Pronto Polizia locale”, App per trovare subito i Vigili

È arrivata l'applicazione gratuita "Pronto Polizia locale": per l'Emilia, ma sarà esteso a tutta l'Italia

11 ottobre 2012 - 6:00

Come già Maurizio Caprino nel suo blog Strade sicure aveva preannunciato, è ora uscita su App Store l'applicazione gratuita “Pronto Polizia locale”, per avere i Vigili a portata di un touch: per adesso, è attivo in Emilia-Romagna, ma sarà esteso a tutto il territorio nazionale.

AL VOLO – È un modo per chiamare subito i Vigili del posto: non avere il numero della Polizia locale può essere un bel problema in caso d'incidente in città, quando si necessita l'intervento delle Forze dell'ordine per un verbale. Con l'applicazione, almeno stando a quanto promette chi ha ideato l'app, la questione non si porrà più, perché verremo messi subito in contatto coi Vigili. Infatti, il servizio Politiche per la sicurezza e la Polizia locale della Regione Emilia-Romagna ha ideato un progetto all'avanguardia che ha portato allo studio e alla progettazione del'app per gli smartphone. È già disponibile sull'AppleStore gratuitamente per l'IPhone, mentre per il sistema Android sarà disponibile nelle prossime settimane.

SFRUTTA IL GPS – Grazie alla geolocalizzazione della posizione dell'utente, l'app individua il comando territorialmente competente e consente di contattarlo con un semplice clic, telefonicamente o via e-mail. La stessa funzione è prevista con riferimento ai municipi. Con la funzione “calcola percorso”, l'app mostra il percorso più breve, in auto o a piedi, per raggiungere il comando o il Municipio di interesse. Grazie al GPS integrato, anche in assenza di copertura Internet, l'app individua la posizione dell'utente e visualizzare i riferimenti al comando competente o al relativo municipio: così assicurano gli sviluppatori. L'app ha anche la ricerca manuale che permette di individuare, indipendentemente dalla posizione in cui ci si trova, i riferimenti della Polizia locale e del Municipio a partire dal nome del Comune di interesse. Inoltre, c'è la funzione “numeri d'emergenza” per i Paesi esteri.

RITARDO ITALIANO – L'app va un po' a sopperire una gravissima mancanza del nostro Paese, che ancora non ha sviluppato il numero unico 112 d'emergenza, a differenza di quanto accade nelle altre nazioni. L'Italia è anche stata richiamata più volte dall'Unione europea, senza però che i nostri vari Governi succedutisi nel tempo abbiano mai fatto passi avanti in questo senso. È strano che lo Stato italiani sia così poco sensibile in materia di sicurezza stradale, tanto da indurre i cittadini a scaricare un'app per guidare con maggiore serenità.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Reclami alle assicurazioni

Reclami alle assicurazioni: ripristino dei termini ordinari

Sistemi ibridi a 48 Volt: tanti vantaggi e qualche limite

Bere o soffiarsi il naso distrae come usare il cellulare alla guida