Legambiente premia l'industria automobilistica francese

Legambiente ha ritenuto Renault e Peugeot degne del riconoscimento per le case automobilistiche che si sono distinte nello sviluppo ecosostenibile

28 novembre 2011 - 9:00

Ogni anno Legambiente premia le aziende italiane che hanno contribuito in modo significativo al progresso ambientale del nostro paese. Quest'anno, nel settore dei trasporti, l'associazione italiana per l'ambiente ha voluto premiare in particolare la Peugeot 3008 hybrid4 e la Renault Twizy.

IBRIDA DIESEL – Legambiente ha riconosciuto Pegeout meritevole del riconoscimento perchè, per prima, ha adottato su una delle sue vetture un motore ibrido diesel. Fino all'introduzione di questo propulsore, infatti, il tipo di motorizzazione utilizzata dalle vetture in commercio vedeva affiancati un propulsore elettrico e uno a benzina. Peugeot, invece, ha deciso di unire le emissioni zero dell'elettrico ai minori consumi (e minori costi alla pompa) del diesel. La Peugeot 3008 Hybrid4 monta un motore termico a gasolio 2.0 HDi FAP 163 CV e un elettrico da 37 CV montato sull'asse posteriore. La Peugeot dichiara percorrenze di oltre 25 km/l ed emissioni di CO2 di appena 99 g/km. Lo stesso propulsore, inoltre, sarà disponibile sulla Citroën DS4.

RENAULT ELETTRICA – Secondo Legambiente Renault, all'avanguardia nel settore delle auto elettriche, ha reso il mondo dei veicoli a batteria più accessibile. In particolare si fa riferimento alla Twizy, un veicolo totalmente elettrico che costituisce una via di mezzo tra una microcar e uno scooter e che, da dicembre, sarà disponibile presso le concessionari Renault, a partire da 6.990 euro. Effettivamente l'alto costo delle vetture elettriche rispetto a quelle con un altro tipo di propulsione ne ha sempre disincentivato l'acquisto; quindi, il parere di Legambiente è che il prezzo competitivo dell'intera gamma Z.E. (zero emissioni) Renault, e soprattutto quello della Twizy, permetteranno a diversi cittadini di poter prendere in considerazione l'uso di un veicolo ad emissioni zero. Queste le motivazione per cui l'associazione ambientalista italiana ha deciso di premiare la Twizy. Speriamo che l'auto su strada si dimostri, oltre che ecologica, anche sicura ed affidabile.

PININFARINA – Per rispetto alla cronaca citiamo, seppure nel settore del trasporto pubblico e non privato, il premio ricevuto dall'italiana Pininfarina. L'azienda, in collaborazione con Regione Piemonte e GTT (l'azienda dei trasporti di Torino) ha ideato l'HYBUS. Il progetto ha permesso al Comune di Torino di riconvertire i propri autobus Euro 0, 1 e 2 in veicoli ibridi, consentendo alla cttà un considerevole risparmio di denaro e di emissioni. Il Pininfarina HYBUS, sarà spinto da un motore elettrico, ma sarà equipaggiato anche con un 1.3 Mulitjet da 69 kW con funzione di generatore di corrente. Secondo le aziende coinvolte nel progetto, ogni vecchio autobus convertito dovrebbe costare il 60% in meno rispetto ad un autobus ibrido nuovo. 

LEGAMBIENTE – «Le performance di successo che premiamo oggi – ha commentato Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente  – testimoniano la vitalità della green economy italiana e ci sollecitano a promuovere e a sostenere con sempre maggiore convinzione le aziende che investono in innovazione, efficienza e qualità ambientale. Questa è la ricetta per lo sviluppo futuro del Paese».

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Esame patente: come funziona e quanto costa nei vari Paesi del mondo

Taxi NCC Decreto Cura-Italia

Decreto Ristori: indennizzi anche per taxi e NCC, ecco quali

Cambio gomme invernali: solo il 34% va in officina in Germania