Pozzolengo: sicurezza stradale con otto “speed check”

Le chiamano «speed check» e servono a controllare il rispetto dei limiti di velocità. Sono di color arancione, dunque ben visibili, e costituiscono per gli automobilisti un evidente segnale di...

4 agosto 2010 - 7:59

Le chiamano «speed check» e servono a controllare il rispetto dei limiti di velocità. Sono di color arancione, dunque ben visibili, e costituiscono per gli automobilisti un evidente segnale di controllo. Il Comune di Pozzolengo ne ha posizionati otto.

Nel basso Garda il primo a utilizzarle è stato Desenzano che ne ha installate 3 in zona Grezze. Ora è la volta del Comune di Pozzolengo che ne ha posizionati 8 sulle strade cittadine e attende il via libera dalla Provincia per collocarne altre due sul tratto urbano della provinciale. Le vie interessate sono: Italia Libera, Longarone, Gramsci, Passeggiata, Monzambano, strada comunale della Roveglia e in Località Zappello. Altre due sono già pronte per il posizionamento; si attende solo il nulla osta della Provincia di Brescia, ente proprietario della strada per le vie Sirmione e Martiri Pozzolenghesi (provinciale 106).

Le colonnine rappresentano un forte deterrente per quanti sono abituati ad alleggerire il pedale dell'acceleratore solo in presenza delle pattuglie delle forze di polizia. Vengono attivate infatti a rotazione con l'installazione all'interno della colonnina dell'apparecchio rilevatore di velocità che con uno scatto fotografico individua il veicolo che supera i limiti per ciascuna strada, in entrambi i sensi di marcia. Insomma le colonnine sono numerose, in funzione ce n'è una sola, attivata di volta in volta dal personale della polizia locale diretta da Massimiliano de Casamassimi, circostanza tuttavia che assicura un efficace effetto deterrente

fonte – giornaledibrescia.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche

Auto elettriche e limiti per i neopatentati: il MIMS smentisce il Viminale

Garage auto: norme, spese e tasse sull’affitto

Assistenza alla guida attiva: solo il 26% degli automobilisti la usa