Polesine, incidenti dimezzati Meno 63% in nove anni

Polesine, incidenti dimezzati Meno 63% in nove anni Secondo i dati della Provincia di Rovigo

Secondo i dati della Provincia di Rovigo, dal 2001 ad oggi gli incidenti con infortunati sono scesi del 63%. Maggio il mese con la più alta intensità di sinistri

20 Ottobre 2010 - 05:10

Secondo i dati della Provincia di Rovigo, dal 2001 ad oggi gli incidenti con infortunati sono scesi del 63%. Maggio il mese con la più alta intensità di sinistri

Ancora in diminuzione in Polesine gli incidenti stradali con il numero più basso rilevato nell’ultimo decennio di 15 morti e 986 feriti. Sempre dal 2001 ad oggi sono calati di oltre il 63 % gli incidenti con infortunati portando i costi sociali (perdite di ore di lavoro, capacità produttiva, sanitarie, giudiziarie…) dai 231 mila euro del 2001 ai 93 mila 500 del 2009.

I dati elaborati dall’Osservatorio statistico di Palazzo Celio sono stati presentati questa mattina dagli assessori Giorgio Grassia e Leonardo Raito. Per i due amministratori i motivi del trend che raggiunge e supera il 50 per cento della riduzione della mortalità negli incidenti stradali stabilito dall’Unione Europea per il 2010 sta “in una nuova cultura, nella maggiore sensibilizzazione delle diverse fasce d’età, nella manutenzione delle strade e varie limitazioni, rilevatori di velocità”.

Dalle tabelle maggio è il mese col maggior numero di incidenti, 128; lunedì il giorno più sinistro, 211 e le 19 l’ora più critica. Dai 18 ai 49 anni sono poi le tre fasce di conducenti più a coinvolte con un 72 per cento maschi e 28 per cento femmine, mentre fra i passeggeri la fascia più colpita è fra i 18 e 29 anni con le donne al 60% ed i maschi al 40.

Se con l’auto si arriva a 1083 incidenti, con la bicicletta se ne fanno 142, terzo mezzo, che diventa secondo con gli infortuni.

A fronte di un parco veicolare di oltre 194 mila unità nel 2009, i 1246 incidenti sono inversamente proporzionali. Nel 2006, primo dato utile di raffronto, circolavano 192.560 mezzi e furono 1585 gli incidenti. Nelle strade urbane 704 incidenti in quelle extraurbane il primo posto con 122 incidenti l’A13 nel tratto polesano, l’Adriatica con 58, la Romea e l’Eridania occidentale S.Maria Castelmassa con 39 la Transpolesana con 37 l’Adria-Rosolina e Melara-Badia con 30, la Rovigo-Castagnaro con 38, la Rovigo-Adria con 17, la Piano di Rivà-Bonelli con 13 e l’Adria-Ariano con 11 poi si passa a numeri di una cifra.

fonte – ilrestodelcarlino.it

Commenta con la tua opinione

X