Pneumatici invernali: arriva l'obbligo "esclusivo? fuori città

Nel maxi emendamento al DDL 3533 spunta l'obbligo che impone l'uso dei soli pneumatici invernali fuori dai centri abitati

5 dicembre 2012 - 17:42

Nella bozza del maxi emendamento del Governo al disegno di legge n. 3533 di conversione in legge del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”, che va in votazione tra poco al Senato (AGGIORNAMENTO: l'emendamento è stato approvato), spunta un breve comma che potrebbe obbligare gli automobilisti ad utilizzare solo ed esclusivamente pneumatici invernali (chiamati anche termici) ma solo in “previsione di manifestazioni atmosferiche nevose di rilevante intensità”.

NON BASTERANNO LE CATENE – Quindi per circolare la sola presenza a bordo delle catene da neve non sarà sufficiente. Una proposta portata avanti dai senatori Paravia, Ghigo, Spadoni Urbani, Germontani che potrebbe dare un ulteriore slancio al mercato della gomme invernali e migliorare la sicurezza di guida in molte tratte stradali colpite da condizioni meteo particolarmente nevose. Ricordiamo che non sarà un obbligo permanente, ma temporaneo, relativo a particolari condizioni meteo.

In attesa di ulteriori dettagli e di capire quali saranno poi gli aspetti operativi di tale norma, riportiamo la proposta di modifica n. 8.17 al DDL n. 3533

All'articolo 6, comma 4, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, dopo la lettera f)
è aggiunta la seguente:
g) prescrivere al di fuori dei centri abitati, in previsione di manifestazioni atmosferiche nevose di rilevante intensità, l'utilizzo esclusivo di pneumatici invernali, qualora non sia possibile garantire adeguate condizioni di sicurezza per la circolazione stradale e per l'incolumità delle persone mediante il ricorso a soluzioni alternative (leggasi catene da neve o ragni ndr).

9 commenti

Giovanni
20:17, 11 dicembre 2012

Lasciamo per un attimo da parte i pneumatici invernali. Vogliamo parlare di sicurezza? Bene. Allora parliamo anche dei pneumatici “estivi”. Pure qui c'è di mezzo la sicurezza. Pure qui si parla che devono essere con il battistrada in ordine, però l'obbligatorietà mi sembra solo teorica come i relativi controlli viste le condizioni in cui si trovano certe gomme che mi capita spesso di vedere. Lisce come quelle di “F1 per l'asciutto” a rischio di scoppio per cause termiche in percorsi autostradali, a rischio di sbandamento e spazi di frenata interminabili quando piove. Però, ora, le pattuglie stradali guarderanno, prima dei documenti, se hai le gomme termiche. La dicitura che appare poi nella legge in merito all'obbligatorietà mi fa venir da ridere. Cosa vuol dire”…. MA SOLO in previsione di manifestazioni atmosferiche nevose di particolare intensità..”? Devo prevedere le condizioni atmosferiche per montare le gomme come se fossero delle catene da dover montare al momento? Una persona intelligente si sarebbe limitata a dire ” In inverno sono obbligatori i pneumatici termici”. Punto e basta. Non si può prevedere ne una condizione atmosferica ne un tragitto che dovrò fare lungo la stagione. Qui è obbligatoria e qui no. Ma che cavolata è? Io, comunque, sono del parere che, prima della sicurezza, i legislatori hanno pensato al fatturato delle aziende fregandosene altamente del portafoglio della gente. Ne hanno da dire che si risparmia. Io vorrei vedere quanti, in dfficoltà economica, si
convincono di questa “chicca del risparmio” e fanno la fila per acquistare un treno di gomme invernali !!!!!!! Vorrei scommettere con chiunque che questa legge non è “un tre per due” per la maggior parte degli automobilisti. Siamo sempre davanti alla solita bufala all'italiana nell'interesse solo di qualcuno alle spalle di molti. Altro che sicurezza !!!!!

Andrea
10:53, 6 dicembre 2012

Sono assolutamente contrario all'obbligo, nonostante sono anni che monto le gomme invernali (considero 60 euro all'anno per il montaggio/smontaggio non una “tassa sulla mobilità” ma piuttosto un investimento sulla mia sicurezza).
Tuttavia penso che ognuno dovrebbe essere libero di montare le gomme che preferisce (ovviamente nel rispetto della legge).
Sarei piuttosto per la piena assunzione di responsabilità: in caso di blocco del traffico, multa pesante, confisca del mezzo e ritiro della patente per tre mesi.
In questo modo se qualcuno può permettersi di rimanere a letto quando nevica, che lo faccia, ma che non decida di mettersi alla guida con le slick e poi mi si intraversi davanti o peggio.

Mario
6:33, 7 dicembre 2012

Non ne posso piu di sopportare questi interessi politici di lobby fatti passare x sicurezza… basta limitare le libertà basta farci spendere soldi!!!!! Ho 27 anni abito in un piccolo centro non trovo lavoro e non ho soldi per comprarle e montarle! Bastaaaa! Se non vi va bene restavene a casa! Le ruote basta farle girare beneeeee!!!!

GIUSEPPE
9:55, 7 dicembre 2012

Sono daccordissimo sul montare gomme da neve anche perchè io lo faccio da ben 10 anni,
ma mettetevi nei ns. panni che vendiamo catene e abbiamo fatto scorte illimitate,
ormai in questo paese il primo che si sveglia la mattina detta legge e noi che dobbiamo fare?
già sono tempi duri per tutti, il popolo già è confuso e restio su cosa fare dei propri soldi, vuol dire che noi tutte queste catene ce le dobbiamo mangiare, quindi invito tutti i sig. ministri con carenza di ferro a fare un banchetto presso di noi.

Paola
11:27, 7 dicembre 2012

La sicurezza prima di tutto, ma io che abito in montagna, malgrado sull'auto abbia le gomme termiche spesso sono obbligata comunque a montare le catene quindi sembra tanto anche a me un businnes solo per vendere gomme, quando la neve scende copiosa non ci sono gomme che tengano. Piccola nota sarcastica, ma non è che qualche parente di chi stà promuovendo questa norma è per caso un gommista????

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mercato auto Europa: +9% con il diesel in ripresa

Auto senza assicurazione cosa si rischia

Codice della Strada: la mini riforma slitta al 2020

Black Friday 2019: le offerte FCA durano fino al 2 dicembre