1 commento

Carlo
19:50, 18 aprile 2011

La vicenda sarabbe divertente, se poi non ci fossero invece i casi di persone che alla seconda infrazione hanno perso metà dei punti della patente perché non sono stati così “furbi” come la signora di Pizzo Calabro.