Piano neve 2013 di Viabilità Italia

Allarme neve, ecco come Viabilità Italia risponde

6 dicembre 2012 - 6:49

Prende il via Piano neve 2013 di Viabilità Italia per la stagione invernale, che contiene – anzitutto la mappatura aggiornata delle aree e dei nodi della rete autostradale più esposti a criticità della circolazione stradale derivanti da precipitazioni nevose.

IN DETTAGLIO – Vengono individuate le tratte autostradali ovvero le aree di stoccaggio (interne o esterne all'autostrada) dove attuare il fermo temporaneo dei mezzi pesanti con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t: tale provvedimento risulta funzionale a una gestione della circolazione che scongiuri il rischio di intraversamento dei veicoli commerciali – in grado, a causa delle complesse operazioni di recupero, di determinare il blocco del traffico anche per lungo tempo – e agevoli la fluidità dei veicoli leggeri. Preziose poi le “Linee guida per la gestione coordinata delle emergenze invernali su aree geografiche vaste con interessamento di più concessionarie autostradali” che, grazie alla codifica di soglie di allerta, individuano i provvedimenti e gli interventi operativi da attuare in relazione alle previsioni atmosferiche o all'effettivo impatto sulla viabilità delle precipitazioni nevose in corso. Senza dimenticare le azioni di competenza di tutti gli attori (Comitati Operativi per la Viabilità delle Prefetture; Polizia Stradale; Arma dei Carabinieri; Concessionarie autostradali; Anas; Vigili del Fuoco; Protezione Civile) e dei nuovi membri (Polizia Ferroviaria; Struttura di Vigilanza delle Concessioni Autostradali; Unione Province d'Italia; Associazione Nazionale Comuni Italiani).

I PUNTI PRINCIPALI –  Scatta il monitoraggio continuo delle previsioni atmosferiche elaborate dal Dipartimento della Protezione Civile, per poter disporre in campo uomini e mezzi di ogni struttura adeguati ai livelli di allerta disegnati pronti a mettere in opera i provvedimenti di gestione della viabilità. Previsti adeguati interventi tecnici sul manto stradale, dal trattamento preventivo con gli spargisale al contrasto della precipitazione atmosferica con mezzi sgombraneve. C'è una costante e attenta verifica delle condizioni della strada e del traffico, per l'eventuale attivazione tempestiva dei provvedimenti di fermo temporaneo dei mezzi pesanti o deviazioni su percorsi alternativi. Ecco poi il potenziamento dell'attività di comunicazione sia sui Pannelli a messaggio variabile dislocati lungo la rete, che attraverso il C.C.I.S.S., Isoradio e gli organi d'informazione radio-televisivi locali sulle condizioni di percorribilità delle strade per i necessari avvisi all'utenza.

COMPORTAMENTO – Ovviamente, anche chi guida deve prestare la massima attenzione alle regole, a partire dall'equipaggiamento del veicolo con mezzi antisdrucciolevoli (catene da neve) a bordo o pneumatici invernali nelle strade ed autostrade dove questo è obbligatorio, nonché lo scrupoloso rispetto delle norme di comportamento improntate alla massima prudenza e l'osservanza della segnaletica fissa o mobile dislocata nelle aree di approssimazione ai punti di criticità, come delle indicazioni del personale su strada. È possibile mantenersi costantemente informati sulle condizioni di percorribilità di strade ed autostrade:
– chiamando il numero gratuito 1518 del C.C.I.S.S.;
– ascoltando le trasmissioni di Isoradio (FM 103.3) ed i notiziari di Onda Verde (su Radio 1, 2 e 3);
– consultando il sito web cciss.it e mobile.cciss.it da smartphone e palmari;
– utilizzando l'applicazione gratuita iCCISS per iphone.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pressione pneumatici invernali: perché le gomme si sgonfiano col freddo

Automobilisti senza cintura multa

Automobilisti senza cintura: una multa ogni cinque minuti

Furti auto: i 10 modelli più rubati al 2019