Peugeot e Citroen puntano ancora sulle auto elettriche

Ad un anno dal lancio della prima vettura elettrica al 100%, il gruppo francese chiude il 2011 coprendo il 30% del mercato

27 gennaio 2012 - 9:00

Dopo un 2011 che ha visto importanti novità e successi nel settore delle auto elettriche, come la Kangoo Z.E., Fluence Z.E., la C-Zero, la iOn o la Twizy in arrivo, gli obiettivi per il futuro prevedono un'ulteriore espansione dei veicoli elettrici del gruppo PeugeotCitroën nel settore privato ed in quello commerciale, con politiche economiche sempre più competitive e un'assistenza a 360°.

L'ELETTRICO DEVE CONVENIRE – Il mercato delle auto elettriche negli ultimi tempi sta conoscendo un'ondata di novità, sia per quanto riguarda i nuovi modelli di vetture proposti ormai da tutte le case automobilistiche più importanti, sia per la realizzazione di infrastrutture ad hoc, come le colonnine di ricarica rapida proposte da Enel e da Nissan. Ma la vera rivoluzione deve passare per un concetto primario: “L'elettrico deve convenire”. Non basta inquinare di meno per avere successo. L'utente medio, se pur rispettoso dell'ambiente, non può permettersi un'auto elettrica che costi quanto un box auto, né di cambiare ogni due anni il pacco batterie che da solo vale circa 1/3 del valore dell'auto. Allora è necessario rendere queste nuove tecnologie fruibili, accessibili all'utente medio senza sforzi economici eccessivi. Questo è ormai chiaro a chi vuole cimentarsi in questa sfida e in particolar modo a Peugeot e Citroën che sembrano aver colto l'occasione per fare la voce grossa.

LE IDEE VINCENTI – Il risultato ottenuto dal gruppo francese dipenderà, infatti, non solo dalla progettazione di veicoli elettrici efficienti, ma da una nuova idea rivoluzionaria di mobilità alternativa che coinvolge progetti come “Mu by Peugeot”, ovvero una reinterpretazione a 360° del noleggio a breve termine. Inoltre l'impegno di Peugeot verso l'ambiente sarà basato non solo sui veicoli a trazione elettrica, ma anche sullo sviluppo di tecnologie votate alla massima riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti di CO2.

I MOTORI – Le motorizzazioni proposte dal gruppo hanno contribuito al buon risultato dell'anno appena terminato, parliamo infatti dell'e-HDi, disponibile su tutti i nuovi modelli ed estesi a gran parte della gamma, della tecnologia Hybrid4, e della trazione Diesel-elettrica con 4 diverse modalità di guida selezionabili. Basteranno queste scelte a tenere a bada la concorrenza anche nel 2012? Ovviamente non possiamo saperlo a priori, ma siamo sicuri che nessun costruttore resterà a guardare in quanto, già durante il 2011, le altre case automobilistiche si sono distinte per altri meriti ottenendo riconoscimenti a vari livelli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Citroën cambia Brand Identity: nuovo logo dal 2023

Test gomme invernali 2022 – 2023

Multa per parcheggio vicino a incrocio: quanto si paga?