[Peugeot 206] Francesco Modotti

[Peugeot 206] Francesco Modotti

Relazione dell'accaduto: improvvisa ed immotivata attivazione dell'airbag con conseguente uscita di strada. Allego relative foto.Ho richiesto un risarcimento o il ripristino della vettura a Peugeot Italia (l'auto è del 2003, il fatto è accaduto pochi giorni prima del compimento di 10 anni dall'acquisto dell'auto), ma finora ho ottenuto un netto diniego. Distinti saluti Francesco Modotti […]

3 Dicembre 2013 - 01:12

Relazione dell'accaduto: improvvisa ed immotivata attivazione dell'airbag con conseguente uscita di strada. Allego relative foto.
Ho richiesto un risarcimento o il ripristino della vettura a Peugeot Italia (l'auto è del 2003, il fatto è accaduto pochi giorni prima del compimento di 10 anni dall'acquisto dell'auto), ma finora ho ottenuto un netto diniego.

Distinti saluti

Francesco Modotti

Inserire in allegato eventuali foto, grazie.
Inviando questa segnalazione autorizzo il trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03.

Risponde Bruno Pellegrini, l'esperto di SicurAUTO.it

Il caso segnalatoci dal Sig. Modotti è molto interessante. In base alle dichiarazioni verbalizzate dalla Polizia locale, rilasciate dalla Sig.ra Giulia Sperotti, conducente del veicolo, si sarebbe verificata l'improvvisa attivazione dei 2 airbag frontali in assenza di urto, durante la normale marcia a 30 Km/h su una strada urbana rettilinea. A seguito di tale evento, la conducente avrebbe perso il controllo della vettura andando ad urtare contro un veicolo parcheggiato sul lato destro della strada.
Dalle foto inviateci dal nostro lettore, si può rilevare che la Peugeot abbia inizialmente urtato la Lancia in sosta con la ruota anteriore dx. in corrispondenza del passaruota post. sx. di quest'ultima.
La ruota della Peugeot, restando agganciata sul bordo anteriore del passaruota della Lancia, è uscita fuori sede a seguito del cedimento della sospensione ant. dx. e del tirante dello sterzo. Successivamente, l'auto del Modotti ha continuato a strisciare sulla fiancata sx. della Lancia. Le foto evidenziano che l'angolo d'impatto, alquanto laterale, non ha coinvolto il frontale della Peugeot che risulta quasi integro ad eccezione di un lieve danno al bordo esterno del faro ant. dx.
Tale circostanza escluderebbe il presupposto necessario per l'attivazione deli airbag frontali, vale a dire l'urto frontale entro un cono di 30° a dx e a sx. rispetto all'asse longitudinale del veicolo. Ad una velocità superiore ai 25 km/h circa.

Tuttavia, nella ipotesi (forse sostenuta dalla Casa costruttrice del veicolo) che l'attivazione degli airbag sia avvenuta a seguito dell'urto e non prima, si può affermare che l'entità della decelerazione creatasi dall'aggancio della ruota ant. dx. della Peugeot contro il passaruota della Lancia, potrebbe essere stata sufficiente ad attivare gli airbag frontali. Infatti, molte case automobilistiche avvertono gli utilizzatori, tramite i manuali di istruzioni in dotazione alle vetture, che gli urti particolarmente violenti delle ruote contro marciapiedi, buche stradali, dossi di rallentamento e altri ostacoli assimilabili, possono causare l'indesiderata attivazione degli airbag.
Avvalorando tale ipotesi, resterebbe incomprensibile il comportamento del guidatore che stava percorrendo una strada urbana rettilinea e, all'improvviso, avrebbe effettuato una sterzata a dx. andando ad urtare contro la Lancia parcheggiata.

Nondimeno, non possiamo escludere la validità della dinamica descritta dal nostro lettore che sostiene la tesi della attivazione spontanea e pericolosa degli airbag frontali durante la marcia. Tale evento, sebbene raro, si può verificare, come dimostra la casistica che comprende anche le attivazioni a veicolo fermo. Le cause possono essere varie ma quasi sempre connesse al malfunzionamento della centralina airbag ed in particolare al sensore di sicurezza principale. Sono stati riscontrati alcuni casi di centraline contaminate dall'acqua (rischi di corto circuiti), come testimoniano alcune segnalazioni inoltrate da altri lettori di SicurAUTO.it (vedi allegato), possessori di vetture Peugeot. Per questo è fondamentale procedere tempestivamente ai controlli del caso tramite strutture ed organi indipendenti, in contraddittorio con la controparte o adire le vie legali. Ovviamente, la eventuale presenza di acqua (basta la condensa) nella centralina non è un fatto accettabile poiché questa dovrebbe essere stagna.
La scadenza della garanzia legale (durata 2 anni) e di quella commerciale eventualmente più estesa, in casi del genere ove è in discussione la sicurezza degli occupanti (e di altri utenti della strada), non è un fattore giuridicamente determinante poiché fanno fede gli articoli del Codice del Consumo (art. 117 e segg.) in tema di responsabilità del fabbricante per prodotto difettoso.
Nel caso specifico, il verbale redatto dalla polizia locale non aiuta, sul piano giuridico, a chiarire la reale causa del sinistro poiché riporta la sola dichiarazione del conducente, in assenza di altri testimoni. In ogni caso, il nostro lettore, visto che il fabbricante ha negato ogni responsabilità, è ancora entro i termini legali per chiedere, se del caso, al Tribunale competente, formale richiesta risarcitoria per i danni subiti.

Commenta con la tua opinione

X