Patente a punti: 2,8 milioni di italiani penalizzati negli ultimi 5 anni

Un'indagine svela che gli automobilisti di Veneto, Trentino e Friuli sono i più penalizzati dalla patente a punti. Le donne sono più brave

9 maggio 2013 - 7:00

La patente a punti italiana è prossima al compimento di 10 anni e Facile.it ha svolto un'indagine sugli automobilisti più penalizzati dal meccanismo sanzionatorio. Dal 1 luglio 2003 le infrazioni al codice della strada sono accompagnate dalla sottrazione di tanti punti quanto più è grave la condotta di guida. Analizzando i preventivi degli ultimi 12 mesi, Facile.it ha individuato le regioni e i conducenti che hanno perso più punti.

RC AUTO A PUNTI – Il più noto comparatore di preventivi RC auto e moto online ha stilato un quadro piuttosto dettagliato sugli automobilisti finiti nella rete del meccanismo taglia-punti. Se è vero che i crediti hanno contribuito a ridurre il numero di vittime d'incidenti, punendo gli automobilisti più indisciplinati, ora a chiedere il riscatto sarebbero quelli più diligenti. Sono proprio quelli che guidano l'auto nel pieno rispetto delle regole a chiedere che lo stesso meccanismo dei punti sia esteso alle assicurazioni. “Da una recente indagine ACI-Istat è emerso come molti italiani vorrebbero che il premio RC auto fosse legato anche ai punti della patente. – sostiene Mauro Giacobbe, Responsabile Business Unit Assicurazioni di www.facile.it. In linea teorica potrebbe essere un'opzione interessante, ma allo stato attuale utilizzare il saldo punti o specifiche infrazioni alla guida come parametri di buona condotta dell'automobilista è piuttosto difficile, dato che non tutte le informazioni necessarie sono facilmente reperibili o verificabili”.

IN PUGLIA MENO SANZIONI – Facile.it ha analizzato i preventivi compilati negli ultimi 12 mesi da 6,5 milioni di automobilisti e motociclisti che hanno dichiarato la loro situazione di credito aggiornata agli ultimi 5 anni. La ricerca ha assegnato il volante nero a Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Veneto, nelle posizioni più sanzionate con l'8.6%, 8.3% e 8.1%. Il report indicativo, basato sul campione che ha effettuato l'accesso al portale, vede su tutti meno sanzionati gli automobilisti del centro e del sud. Campania (5.07%), Basilicata (4.81%), Molise (4.7%), Sicilia (4.34%), Calabria (4.15%) e Puglia (3.82%) sarebbero le regioni in cui meno automobilisti hanno perso i punti.

LE DONNE GUIDANO MEGLIO – L'identikit disegnato da Facile.it vuole donne e motociclisti tra i più bravi alla guida, ma è solo all'aumentare dell'età che si acquisisce prudenza ed esperienza. Stando ai dati diffusi, gli automobilista che perdono più punti hanno tra i 18 e i 24 anni (10.27%). Salendo con gli anni si può immaginare una condotta di guida meno esasperata tra i 25 e i 35 anni, difatti la percentuale scende drasticamente a 6.93%, di poco superiore al 5.97% tra 36 e 50 anni, fino al minimo di 5.33% per gli over 50. Che guidino due o quattro ruote, le donne (5.7% e 4.92%) si sono dichiarate meno penalizzate degli uomini (6.7% e 5.44%) anche se, secondo l'IVASS, i premi RC auto si mantengono ancora alti per chi guida con i tacchi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche

Auto elettriche e limiti per i neopatentati: il MIMS smentisce il Viminale

Garage auto: norme, spese e tasse sull’affitto

Assistenza alla guida attiva: solo il 26% degli automobilisti la usa