Parcheggio selvaggio a Milano, la foto di un lettore

Un lettore denuncia la sosta irregolare a Milano, con i Vigili poco attenti al problema

18 ottobre 2012 - 12:50

Un parcheggio in divieto di sosta che per giunta costringe i pedoni a camminare in stada significa non solo violare le regole elementari della convivenza, ma anche mettere a rischio la sicurezza stradale. Ed è proprio quanto denuncia il nostro lettore Paoblog, in relazione a quanto accade a Milano, con i Vigili poco attenti al problema.

GUAI PER I PEDONI – Il lettore racconta delle auto parcheggiate, giorno e notte, sulla carreggiata, in via Novara, e nello specifico sulla corsia destinata ai mezzi pubblici; il tutto sotto l'occhio dei Vigili che però fingono di non vedere. Per non parlare del problema delle auto in divieto di sosta in via Meli che costringono i pedoni a camminare in mezzo alla strada, esponendoli a rischi inutili, il tutto aggravato dal fatto che gli automobilisti in transito viaggiano ben oltre il limite di velocità, seconda infrazione non rilevata. Per giunta, spiega il lettore, “la scorsa settimana stavo transitando nella via, con ovviamente tutto il lato sinistro (per chi guida) della strada occupato dalle auto in sosta e di conseguenza, complice la via piuttosto stretta, lo spazio per le auto di passaggio era quello che era. Se non fosse che arriva un grosso monovovolume che si sposta sempre più a destra, sino ad arrivare con la gomma sulla striscia che delimita la zona per i pedoni; solo che lo specchietto laterale invadeva pericolosamente il mio spazio vitale: avendo notato la manovra, mi sono spostato verso il muro e venivo solo sfiorato dalla vettura. E se non mi fossi accorto, se fossi stato una mamma con bambino per mano oppure un'anziana con borsa della spesa?”.

SOLO UNA MULTA – Qualche giorno fa, a pochi metri da via Padova, un Vigile ha sì piazzato un verbale sotto il tergicristalli di una vettura, lasciando però immacolate le altre 40 macchine, tutte bellamente in sosta vietata. Risulta incomprensibile che venga sanzionato solo un guidatore, ignorando le altre infrazioni. Il cittadino ha il diritto di camminare senza correre il rischio di essere steso, e che il Comune faccia rispettare i divieti; l'automobilista multato ha invece diritto a un trattamento uguale davanti alla legge. Fra l'altro, nei giorni successivi, le auto erano in sosta su entrambi i lati e per di più proprio sotto al cartello di sosta vietata. L'Italia è un vero e proprio paese-paradosso, dove un zelante vigile multa un automobilista per aver lasciato l'auto in sosta con il finestrino abbassato, mentre da Milano a Palermo, la sosta irregolare viene eccessivamente tollerata.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione riconsegna auto difettosa

Cassazione: riconsegna auto difettosa, va valutata la perdita di valore

Un minorenne può guidare l'auto per stato di necessità

Un minorenne può guidare l’auto per stato di necessità?

Chiamata di emergenza eCall: i sistemi di serie rallentano i soccorsi