Parabrezza scheggiati: a gennaio la rottura è in agguato

Attenzione al parabrezza scheggiato. A gennaio, il mese più freddo dell'anno, il rischio di rottura aumenta pericolosamente

20 gennaio 2012 - 8:00

I danni ai cristalli possono consistere in scheggiature o in vere e proprie rotture. Secondo le statistiche la gran parte dei danni riguarda il parabrezza e il maggior numero di questi avviene in inverno e in estate, in parte per le forti escursioni termiche e in parte per le condizioni del manto stradale, rovinato da piogge o nevicate.

PICCOLA E PERICOLOSA – Anche una piccola scheggiatura non va sottovalutata, perché una pressione o una sollecitazione possono causare delle crepe. Bastano azioni ordinarie, come l'accensione dell'aria calda quando fa molto freddo, il passaggio in velocità su un dosso o situazioni imprevedibili come un dissesto stradale per provocare la conseguente irrimediabile rottura del vetro, mettendo a repentaglio la sicurezza del conducente e dei passeggeri.

SI PU' RIPARARE – Per questa ragione, quando si tratta di scheggiature sul parabrezza più piccole di una moneta da 2 euro, (circa il 60% dei danni), Carglass consiglia di procedere con la riparazione del cristallo. Tale intervento garantisce il ripristino della sicurezza del vetro e un consistente risparmio rispetto alla sostituzione; se si è titolari di una polizza cristalli, la riparazione è addirittura gratuita. Oltre agli indubbi vantaggi economici, la riparazione è anche un atteggiamento più responsabile verso l'ambiente. Riparare anziché sostituire significa risparmiare all'ambiente l'emissione di ben 35 Kg di CO². Per meglio comprendere le ragioni che stanno alla base di una scheggiatura vi lasciamo all'interessante e completo video che ci è stato messo a disposizione dal centro ricerche Belron (multinazionale, detentrice del marchio Carglass, specializzata nel settore della riparazione e sostituzione dei vetri auto). Seguitelo con attenzione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Guardrail intelligenti: Geronimo allerta i soccorsi in caso di incidente

ADAS obbligatori dal 2022: ecco l’accordo dell’unione europea

Nvidia accusata di plagio: il sistema Mobileye che prevede gli automobilisti