Palermo: il taxi car pooling è flop

Non prende piede il servizio di taxi car pooling a Palermo: colpa dell'amministrazione

15 gennaio 2013 - 9:19

Niente campagna pubblicitaria, niente successo: ecco in sintesi cosa sta succedendo al servizio di car pooling, a Palermo. Promosso dall'assessorato comunale alle Attività produttive, dovrebbe servire a ridurre l'inquinamento ambientale e il traffico delle automobili private in città.

ESPERIMENTO – Fino al 31 gennaio 2013, in via sperimentale, l'amministrazione sta mettendo a disposizione dei cittadini un servizio di condivisione taxi che percorrerà lo stesso itinerario della linea dell'autobus 101. Chiunque potrà utilizzare il taxi per i propri spostamenti, fino a esaurimento dei posti disponibili sulla vettura, al costo di 2 euro a passeggero. Un altro servizio di taxi pooling servirà l'itinerario Stazione centrale-Politeama-via Libertà-aeroporto Falcone-Borsellino e viceversa, senza aggiunta di supplementi, per un minimo di 4 passeggeri, al costo di 8 euro. Per utilizzare il servizio, si dove individuare il taxi col “bollino”: il disco giallo sul parabrezza identifica i taxi in servizio lungo la linea del 101; quello di colore arancione, invece, i taxi diretti all'aeroporto. Tuttavia, come spiega repubblica.it, sono solo una ventina i taxi in città che hanno aderito al recente debutto del taxi pooling, promosso dalle cooperative Trinacria e RadioTaxi in collaborazione con il Comune di Palermo. Addirittura, per dare un “segnale di vita”, pochi volenterosi tassisti si sono premurati di fare essi stessi pubblicità, prendendo a bordo persone lungo le tratte previste. Stando a Orazio Marra, segretario regionale dell'Uti (Unione tassisti italiani), “in tanti colleghi hanno rinunciato in polemica con la mancanza di una campagna pubblicitaria da parte del Comune. E c'è stato anche qualche intoppo nella distribuzione dei tagliandi da mettere sul parabrezza: non li hanno ricevuti in tempo tutte le auto. Il servizio ha funzionato meglio a ora di pranzo e nel primo pomeriggio. Cinque tassisti sono riusciti a formare gruppi alla stazione centrale e altri a piazza Matteotti e pur di lavorare hanno effettuato la corsa anche con tre persone anziché quattro”. Poteva andare peggio: il bilancio è di una cinquantina di corse per il centro e qualcuna per l'aeroporto.

CHE IDEA È – Di fondo, l'iniziativa è concepita in modo originale, ma complicata. Il tassista non ci perde, perché alla fine col car pooling guadagna grosso modo quanto incasserebbe con il trasporto di una sola persona. Ecco infatti quando ha dichiarato Pippo Calaiò, tassista della cooperativa Trinacria: “Di mattina ho preso a bordo tre signore, in attesa alle fermate del 101, una in via Libertà e due alla fermata del Politeama. La prima è scesa a piazza Verdi, le altre hanno proseguito fino alla stazione centrale. Ho fatto pagare a ciascuna 2 euro, come previsto dall'accordo con il Comune e ho guadagnato 6 euro, più o meno quanto una corsa normale. Con la crisi, lavoriamo poco e queste tariffe possono incoraggiare anche chi non si può permettere il costo di un taxi”.

CONVIENE? – Per i cittadini, se la spesa è leggermente superiore rispetto al prezzo del biglietto del mezzo pubblico Amat (1,5 euro), il servizio di car pooling col taxi è più comodo. Il problema è che non è facile aggregarsi a un gruppo, e sono ancora pochi i taxi con il disco giallo della linea del 101 a 2 euro, e quelli col disco arancione per l'aeroporto a 8 euro. Serve una una maggiore pubblicità da parte del Comune, e ovviamente va vinta la diffidenza dei cittadini verso il nuovo servizio, o magari il timore di viaggiare pur sempre con sconosciuti. Non è neppure facile individuare e fermare il taxi mentre c'è già un passeggero a bordo (sperando che la vettura si arrestino in tutta sicurezza), anche perché quest'ultimo potrebbe non gradire il servizio, e preferire un viaggio normale, da solo in auto. In defintiva, il servizio va incentivato e prolungato per almeno due mesi, ma il Comune sino a oggi sembra essersene dimenticato: forse, l'articolo di Repubblica ha fatto più pubblicità al servizio, che non le iniziative dell'amministrazione.

1 commento

TaxiPeople
15:36, 8 agosto 2013

Ciao a tutti,

vi segnalo l'ultimo portale di carpooling nato, http://www.taxipeople.it
Assolutamente da provare! Il più divertente di tutti!

Buon divertimento

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici