Ordinanza neve: Autovie Venete la revoca con un mese d'anticipo

Sulle tratte di competenza, la società concessionaria ha fatto decadere anzitempo l'obbligo di catene a bordo o di pneumatici invernali montati

15 marzo 2012 - 10:00

Autovie Venete, concessionaria delle autostrade A4 Venezia-Trieste, A23 Palmanova-Udine Sud e A28 Portogruaro-Pordenone-Conegliano, ha comunicato che sulle tratte di sua competenza scade da oggi obbligo di transito con catene a bordo oppure di pneumatici invernali montati.

IL CALDO, CHE FORTUNA… – L'ordinanza che ne prevedeva l'obbligo, la n° 68 del 2011, era entrata in vigore il 15 novembre scorso e avrebbe dovuto restare in vigore fino al prossimo 15 aprile, ma la società concessionaria ne ha disposto la revoca con un mese d'anticipo. Il motivo del provvedimento risiede nelle condizioni meteo estremamente favorevoli che in questo periodo stanno generando un aumento delle temperature tale da rendere superflue sia le catene, sia la coperture invernali.

INUTILI CON PIÙ DI 10 GRADI – In effetti, sopra i 10-12 gradi le gomme termiche non sono più utili, ma ci auguriamo che la tempestività di Autovie Venete nel far decadere l'ordinanza non si scontri con qualche indesiderato colpo di coda dell'inverno. Tuttavia, è innegabile che se le temperature rimaranno elevate, dicamo superiori ai 20°, da questa decisione gli automobilisti ci guadagneranno. Le gomme invernali, infatti, su fondo stradale caldo hanno un comportamento solitamente peggiore di quello delle coperture estive: gli spazi di frenata si allungano e il consumo del battistrada aumenta. Inoltre, la gomma diventa un po' meno sincera, nel senso che trasferisce meno sensazioni al conducente.

1 commento

Daniele
13:46, 15 marzo 2012

Non sarebbe male se qualche altra regione adottasse lo stesso provvedimento.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni in stato di ebbrezza: il 27% viene ucciso mentre cammina in strada

Guidare drogati e poi ubriachi

Guidare drogati e poi ubriachi: per la Cassazione non c’è recidiva

Autostrade Tech: la svolta tecnologica farà guadagnare più dei pedaggi?