One@campus: il nuovo concorso Bmw per i giovani talenti

I vincitori prenderanno parte ad uno stage dove lavoreranno per studiare nuove tecnologie eco-compatibili.

23 dicembre 2011 - 9:00

EduMobile è il nome del progetto promosso da MoTech Onlus, con il patrocinio del Ministero dell'ambiente e il supporto di Bmw Italia. Il bando è diretto agli studenti delle Università italiane dove Bmw è andata a fare reclutamento.

LA CACCIA È APERTA – Nei cinque atenei coinvolti è partita una campagna per trovare i 15 giovani talenti che beneficeranno di stage retribuiti della durata di sei mesi e delle borse di studio One@campus messe in palio da Bmw Italia. La premiazione dei 15 lavori migliori avverrà a maggio 2012 e i vincitori potranno utilizzare una Bmw Serie 1 come auto aziendale. L'obiettivo del progetto è quello di creare una squadra di giovani talenti in grado di mettere a punto tecnologie innovative a salvaguardia dell'ambiente, nel campo non solo dell'automobile, ma anche delle infrastrutture che ruotano intorno alle energie “pulite” e alla città del futuro.

GLI OBIETTIVI DEL MINISTERO DELL'AMBIENTE – Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini, che ha preso parte al convegno romano intitolato “Tecnologia e innovazione per la mobilità sostenibile”, ha dichiarato che «le innovazioni tecnologiche nell'auto sono “trainate” dal 1990 dalle direttive europee e dai regolamenti che hanno fissato nel corso degli anni limiti sempre più stringenti alle emissioni. Oggi quelle dei nuovi veicoli sono mediamente inferiori del 95% rispetto a 20 anni fa. Ma non basta: è necessario associare ai nuovi veicoli misure per ridurre il traffico privato e rafforzare i trasporti pubblici; favorire l'uso della bicicletta come mobilità integrativa all'auto attraverso la realizzazione di parcheggi scambiatori con l'offerta di bici a pedalata assistita e creare infrastrutture urbane per consentire l'alimentazione con energia elettrica e con gas naturale rispettivamente alle auto elettriche,  a quelle a gas   oa quell quelle ibride ricaricabili”.

LA CITTA' DEL FUTURO – Pare che anche in Italia qualcosa inizi finalmente a muoversi nella direzione dello sviluppo serio e ponderato della mobilità eco-compatibile, mentre già in altre nazioni in Europa e nel mondo si sta sviluppando un'idea concreta di energie alternative che siano davvero fruibili. Niente più auto prodotte in serie limitata o addirittura a noleggio: le prossime si ricaricheranno anche a casa, attaccate alla normale presa di corrente da 240 V. In Germania, Audi ha stipulato un patto con il governo tedesco per accrescere la produzione; in America, Ford sfida la Toyota nella leadership delle auto ibride e se volessimo esagerare, basta guardare cosa sta combinando il colosso americano Google, impegnata nella costruzione di un'imponente impianto di ricarica per le proprie auto elettriche wireless.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto usate: gli italiani preferiscono ancora le diesel

Pneumatici nuovi: emettono idrocarburi per 3.000 km

Incidenti stradali in Europa: 6 mila bambini, le vittime in 10 anni