Octavia Green E Line, la mobilità elettrica secondo la Skoda

Già dieci Skoda Octavia elettriche circolano per le strade della Repubblica Ceca dove verranno testate dalle istituzioni locali

2 febbraio 2012 - 13:00

Lo sviluppo della nuova Skoda (gruppo Volkswagen) ha potuto beneficiare dell'esperienza del marchio tedesco, ottenendo risultati nel segno dell'efficienza durante l'intero ciclo di vita dell'auto, modellata sulla base della Octavia Wagon.

I NUOVI ORIZZONTI SKODA – “La Octavia Green E Line è il frutto delle competenze acquisite dalla Skoda nell'ambito della mobilità elettrica e rappresenta una pietra miliare nella nostra strategia orientata all'ecocompatibilità” ha dichiarato Winfried Vahland, Presidente della Skoda. “Non intendiamo fermarci qui: continueremo a lavorare con l'obiettivo di trovare nuove soluzioni per una mobilità a emissioni zero. In questo senso, l'auto elettrica è un passo di fondamentale importanza” ha aggiunto Vahland. “Per le fasi di ricerca e sviluppo possiamo contare sul know-how del Gruppo Volkswagen”. “La Skoda e il Gruppo Volkswagen – ha dichiarato Eckhard Scholz, Responsabile per lo Sviluppo Tecnologico della Skoda – mirano, nel lungo termine, a dare vita a una mobilità ecocompatibile basata su fonti di energia rinnovabili. Senza ombra di dubbio, la trazione elettrica rivestirà un ruolo strategico nell'ottica delle cosiddette emissioni zero. Il Gruppo è sulla strada giusta.  La flotta di Octavia Green E Line fornirà indicazioni importanti sui passi successivi da compiere nello sviluppo delle vetture elettriche, fino ad arrivare alla produzione in serie.”

MOTORE ELETTRICO – Il propulsore elettrico scelto per la Skoda Green E Line sarà capace di erogare 115 cv con una coppia di 270 Nm da subito disponibile. Per ridurre il consumo di energia l'auto sarà autolimitata ad una velocità max di 135 Km/h. Questo ed altri accorgimenti, consentiranno all'auto di arrivare ad un'autonomia dichiarata di 150 Km in condizioni ideali. La batteria in dotazione sarà la “classica” Li-Ion, ovvero agli ioni di litio, e peserà circa 315 Kg garantendo un'energia di 26,5 kWh. L'auto sarà dotata di un sistema di recupero dell'energia cinetica in fase di frenata (che andrà a ricaricare la batteria) e di altri sistemi “intelligenti” come, per esempio, quello che impedirà di staccare la spina dell'auto in fase di ricarica.

MASSIMA EFFICIENZA – Le ricerche condotte dal marchio Ceco, sono state orientate alla massima efficienza e alla riduzione dell'impatto ambientale durante tutte le fasi del ciclo di vita dell'auto. Inoltre, al fine di ridurre ulteriormente i consumi, sono allo studio diverse ipotesi riguardanti i futuri motori delle auto di serie Skoda che potrebbero montare, fra gli altri, il celebre Tsi di casa Volkswagen a doppia sovralimentazione. “L'abbattimento dei consumi porterà effetti significativi: il nostro intento è quindi quello di perfezionare le attuali tecnologie in modo da ridurre ulteriormente i consumi di carburante ed emissioni di CO2 – ha dichiarato Eckhard Scholz – Le vetture Skoda si attestano tra le più parsimoniose in assoluto, e vengono offerte a un prezzo decisamente accessibile: dal nostro punto di vista, infatti, la mobilità deve essere alla portata di tutti”. Seguendo la filosofia della sostenibilità a 360°, Skoda ha adottato misure innovative anche nei propri impianti. Grazie all'impiego di energie alternative derivanti dallo sfruttamento delle biomasse, infatti, la Casa ceca ha in programma di ridurre di un quarto le emissioni di CO2 della propria centrale elettrica, la SkoEnergo, entro il 2015. Questo dato dovrebbe portare in tre anni, alla produzione di energia pulita per un terzo del totale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)