Obbligo soccorso animali: pubblicato il Decreto

Pubblicato in Gazzetta il Decreto attuativo che regolamenta l'obbligo di prestare soccorso agli animali feriti, entrerà in vigore il 27 dicembre 2012

14 dicembre 2012 - 6:52

Facciamo un passo indietro, sino all'estate 2010, quando il Codice della strada viene cambiato fissando l'obbligo di fermarsi in caso di incidente con un animale; mancava un Regolamento attuativo che rendesse pienamente effettiva la norma, e ora è arrivato: è il Decreto ministeriale 9 ottobre 2012 numero 217, Regolamento di attuazione dell'articolo 177, comma 1, del decreto legislativo 30 aprile 1992, numero 285, come modificato dall'articolo 31, comma 1, della legge 29 luglio 2010, numero 120, in materia di trasporto e soccorso di animali in stato di necessità, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale numero 289 del 12 dicembre 2012. Entra in vigore il 27 dicembre.

COME UNA PERSONA – In base alla regola, in casi di sinistro con un animale, si ha il dovere di fermarsi, e c'è quindi l'equiparazione dello stato di necessità di trasporto di un animale ferito come per una persona, l'utilizzo di sirena e lampeggiante per ambulanze veterinarie e mezzi di vigilanza zoofila. Esprimono soddisfazione Gianluca Felicetti, presidente LAV (Lega anti vivisezione), e Carla Rocchi, presidente nazionale dell'ENPA (Ente nazionale protezione animali): “La norma ha preso atto del cambiamento del sentire comune sul dovere di prestare soccorso anche agli animali e le sanzioni irrogate fino ad oggi per le violazioni sono state un esempio positivo per automobilisti e Polizie locali”. Ma ecco il cuore della questione, come ricordano Felicetti e Rocchi: “Nel Decreto, siamo riusciti a far inserire il pieno riconoscimento del privato cittadino che porta per dovere civico un animale incidentato in un ambulatorio veterinario, la necessità di intervento anche ai fini della tutela dell'incolumità pubblica e il pieno riconoscimento dell'attività delle Guardie zoofile. Ora le Regioni e i Comuni devono rafforzare i propri compiti di intervento già previsti da altre normative”.

VEICOLI – Il Decreto ministeriale fissa, fra l'altro, le caratteristiche delle autoambulanze veterinarie le cui attrezzature specifiche saranno individuate dal ministero della Salute, la certificazione anche successiva dello stato di necessità di intervento sull'animale da parte di un veterinario, e gli stati patologici che fanno scattare questo riconoscimento, cioè trauma grave, ferite aperte, emorragie, alterazioni e convulsioni. Un Decreto che finalmente è arrivato, seppure in ritardo abbondante rispetto all'emanazione della Legge: più di due anni. È vero che non ci sono date vincolanti da rispettare per i Regolamenti attuativi, ma sarebbe auspicabile una maggiore celerità, anche per migliorare la sicurezza stradale: si veda qui l'allarme che lanciavamo ad agosto.

1 commento

Roberto
14:58, 15 dicembre 2012

Scusate ma ho un sacco di dubbi, spero mi possiate rispondere perché non riesco a trovare chiarimenti da nessuna parte.
1) La norma vale per qualsiasi animale?
2) Sono obbligato a fermarmi e chiamare soccorso o a fermarmi e portare l'animale da un veterinario? E se l'animale è troppo grande/pesante da spostare a chi devo chiamare?
3) E se l'animale è morto nell'impatto come mi devo comportare?
4) Le spese veterinarie sono a mio carico?
5) Se si riesce a rintracciare il padrone dell'animale le spese procurate al mio mezzo e/o alla mia persona sono a suo carico? E se i padroni degli animali non sono assicurati e non mi possono pagare?
6) Esiste una norma che punisca i padroni che non custodiscono gli animali con la dovuta attenzione mettendo a rischio gli automobilisti/motociclisti?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incentivi e rottamazione auto non di proprietà

Sconto abbonamento bus: nella bozza la rottamazione auto fino a Euro 3

Viadotti autostrade

Viadotti autostrade: 5 nuovi casi di falsi report sulla sicurezza

Test Tesla Summon: aggiornamento bocciato sulla Tesla Model 3