Nuovi airbag sui mezzi pesanti: la sicurezza dalle moto ai camion

Gli airbag D-air per i piloti della MotoGP saranno montati nei sedili dei mezzi pesanti Iveco

20 settembre 2012 - 7:00

Al Salone Internazione dei Veicoli Commerciali di Hannover, la partnership tra Dainese e Iveco presenterà, dal 18 al 23 settembre 2012, un prototipo di airbag per i sedili dei veicoli commerciali pesanti e leggeri che è parte integrante del progetto Daily dual Energy e potrà essere esteso anche agli autobus.

DALLA PISTA ALLA STRADA – Come succede in molti settori tecnologici del mondo a 2 e 4 ruote, il know-how acquisito durante le competizioni sportive agonistiche, reinterpretato ad hoc per l'uso su strada, permette di costruire mezzi più efficienti, prestazionali e anche più sicuri. E' il caso degli airbag D-air, le sacche di aria che in caso d'incidente o cadute si gonfiano proteggendo i piloti della MotoGP. La tecnologia Dainese, sviluppata dopo 10 anni di ricerche, ha superato i confini dei circuiti motociclistici e dopo aver equipaggiato gli indumenti tecnici di tutti gli appassionati che montano in sella, si prepara ora a rivoluzionare la sicurezza passiva dei mezzi per il trasporto pesante e leggero in collaborazione con Iveco.

GUSCIO PROTETTIVO – Le soluzioni tecnologiche che consentono agli airbag Dainese D-air di proteggere i centauri in caso di necessità, fuoriuscendo da giacche e tute tecniche, si presterebbero bene all'impiego sui veicoli in cui la struttura dell'abitacolo consente di creare un'area di sicurezza che circonda il conducente. Il gonfiaggio ad alta pressione che avviene in meno di 45 millisecondi con gas freddi, a differenza degli airbag convenzionali che al momento dell'attivazione possono generare calore, fa fuoriuscire i sacchi D-air dalla struttura del sedile dei futuri Iveco Stralis Hi-Way. La struttura tridimensionale brevettata, durante l'espansione controllata, consentirà ai nuovi airbag per sedili di abbracciare letteralmente il passeggero, offrendo in poco tempo la massima protezione con ingombri ridotti soprattutto in caso di ribaltamento del mezzo. Allo stato attuale il prototipo è impegnato nelle prove di crash test, per cui non è ancora stata annunciata la data di lancio sul mercato, ma la sua applicazione vedrà equipaggiato il Daily Scuolabus su tutti i sedili dei passeggeri e sulla paratia anteriore tra la prima fila e l'autista, successivamente potrebbe essere esteso anche al sedile del conducente e dell'accompagnatore.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 24 ottobre 2020

DPCM 24 ottobre 2020: spostamenti ‘sconsigliati’ (ma non vietati). Testo PDF

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché