Nuova Volvo V40: un pieno di sicurezza

La casa svedese ha presentato a Ginevra la piccola station di casa: SicurAUTO.it vi spiega le novità sui suoi sistemi di sicurezza

19 marzo 2012 - 16:01

Con la nuova V40 Volvo spera di compiere un passo importante verso l’ambizioso obiettivo, che si è posta per il 2020, di ridurre a zero il numero di persone morte o gravemente ferite all’interno delle proprie vetture. Per fare questo Volvo presenta sulla nuova piccola della serie V dotazioni di sicurezza d'eccellenza per la categoria e, afferma che il numero di sistemi di supporto intelligenti è maggiore di quello presente su qualsiasi altra vettura che la casa svedese abbia mai prodotto. “La nuova V40 è la prima automobile della nostra gamma di modelli dotata di una tecnologia in grado di aiutare attivamente chi guida a stare alla larga dai pericoli”, cosi ha dichiarato Thomas Broberg, Consulente Senior per la Sicurezza di Volvo.

BLIS POTENZIATO – La V40 è la prima Volvo a offrire il Blind Spot Information System (BLIS) potenziato. Il sistema, basato sulla tecnologia radar, oltre a segnalare la presenza di veicoli negli angoli ciechi su entrambi i lati dell'auto, monitora il traffico e avvisa il conducente in caso vi siano veicoli in rapido avvicinamento dietro la vettura (fino a 70 m), aiutando così il conducente a evitare improvvisi cambi di corsia che potrebbero essere potenzialmente pericolosi. Le segnalazioni vengono visualizzate dagli indicatori a LED che si trovano in ciascuno dei due montanti ai lati del parabrezza e che si accendono a luce fissa indica quando i radar rilevano un veicolo nell'area considerata. Se il guidatore attiva l'indicatore di direzione quando è attiva la segnalazione si passa a un secondo livello di segnalazione con un LED lampeggiante. Manca ancora, tuttavia, un altert sonoro.

CROSS TRAFFIC ALERT – E' un sistema che si serve dei sensori radar nella sezione posteriore dell'auto per avvertire chi guida, durante una manovra di retromarcia per uscire da un parcheggio, della presenza di un eventuale traffico in attraversamento proveniente da uno dei lati dell'auto. Si tratta di una funzione che potrebbe tornare utile in spazi stretti o affollati, o dove in generale la visuale sui lati risulta limitata per la presenza di infrastrutture, vegetazione o altre vetture parcheggiate. La funzione segnala il traffico in avvicinamento fino a 30 metri dalla vettura; anche se solo a una distanza ravvicinata, possono essere rilevati biciclette e pedoni. Il segnale di avvertimento per il guidatore è di tipo sonoro, con una visualizzazione anche sullo schermo centrale, e rimane attivo per tutto il tempo in cui l'oggetto o la persona si trova nell'area di rilevazione.

ROAD SIGN INFORMATION – E' un sistema che supporta il conducente visualizzando i segnali stradali sul quadro strumenti. La telecamera puntata nella direzione di marcia rileva sia i segnali che indicano limiti di velocità sia quelli di divieto di sorpasso. L'icona del segnale stradale rimane visualizzata fino a quando non viene rilevato un altro segnale. La funzione Road Sign Information può essere abbinata a quella di Speed Alert, che invia al guidatore un segnale visivo sul tachimetro quando viene superato il limite di velocità.

ACTIVE HIGH BEAM – E' una funzione che aiuta chi guida a utilizzare i fari abbaglianti in modo più efficiente garantendo la commutazione automatica fra abbaglianti e anabbaglianti al momento giusto. La tecnologia utilizza una telecamera puntata verso la parte anteriore dell'auto e un software per l'elaborazione delle immagini che monitora i fari anteriori e posteriori degli altri veicoli, ricavando informazioni sulla posizione e la direzione degli altri veicoli e comandando così il passaggio automatico da anabbaglianti ad abbaglianti e viceversa. In questo modo è garantita al conducente la migliore visibilità possibile durante la guida notturna. La nuova V40 può essere inoltre dotata di proiettori Active Bending, ovvero fari anteriori mobili “orientabili” che seguono il raggio di curvatura della strada mentre in condizioni critiche, la visibilità può essere migliorata anche grazie a un optional come il parabrezza riscaldato elettricamente con sensore di pioggia, che si attiva automaticamente e regola la velocità dei tergicristallo quando piove.

DRIVER ALERT CONTROL – Il sitema Driver Alert Control è stato progettato per individuare e avvisare i conducenti che mostrano segni di stanchezza. Il sistema è costituito da una telecamera, una serie di sensori e un'unità di controllo che misura la distanza fra la vettura e le linee di demarcazione della corsia stradale. I sensori registrano i movimenti della vettura mentre l'unità di controllo memorizza le informazioni e calcola se il conducente rischia di perdere il controllo del veicolo. Se il rischio viene valutato come elevato, il conducente viene avvertito con un segnale sonoro. Sul display di visualizzazione delle informazioni dell'auto compare un messaggio di testo accompagnato dal simbolo della tazza di caffè, per avvertirlo che è ora di fare una pausa.

di Pietro Cristino

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Noleggio auto multe

Multe auto: cosa deve indicare un verbale per essere valido

Bankitalia autostrade sicurezza

Bankitalia su autostrade: pedaggi cresciuti ma con meno sicurezza

Conversione patente militare

Patente in Italia: oltre 39 milioni le licenze di guida nel 2019