Nuova Tesla Model S: Ora si fa sul serio

Da adesso in produzione in quattro varianti con autonomia e prestazioni differenti

5 gennaio 2012 - 9:00

Dopo la Tesla Roadster arriva il Model S, berlina sinonimo di sportività ma anche di lusso. Parte così ufficialmente l’assalto al mercato dell’auto elettrica di Tesla, azienda californiana fondata dal creatore di Paypal, che propone un’alternativa alla Bmw Serie 5.

LA REALTA' TESLA – La giovane azienda americana inizia a fare sul serio creando un prodotto davvero capace di mettere i bastoni fra le ruote alle “big” del settore dell'auto elettrica e non solo. Questa volta però lo fa con un'auto dalle linee meno sportive, più fini. Il risultato è un'elegante berlina che potrà ospitare fino a 7 passeggeri senza cedere nulla alle prestazioni, con motorizzazioni potenti e tecnologie all'avanguardia.

I  MODELLI – Gli allestimenti disponibili saranno 4 ma solo per i primi 3 si potrà scegliere fra altrettanti pacchetti batterie. L’entry level sarà il Model S 40Kwh che con un prezzo di circa 50.000 dollari (tasse escluse) avrà un’autonomia di circa 257 km alla velocità di 88,5 km/h. Questo modello accelererà da 0 a 96km/h (0-60 Miglia) in 6,5 secondi con una velocità di punta di 177 km/h. La garanzia coprirà il veicolo per 8 anni o 100.000 miglia. Il modello intermedio invece sarà il Model S 60Kwh. Costerà circa 60.000 dollari ed avrà un’autonomia di 370 Km. La garanzia di questo modello coprirà per 125.000 miglia e si potrà ricaricare (con un costo aggiuntivo) nella speciale rete ad hoc prodotta da Tesla nel Nord America.

AL TOP DI GAMMA – L’ultimo modello proposto è il Model s 85 Kwh disponibile in versione Base o Performance. Secondo i dati diffusi dalla casa entrambi gli allestimenti avranno un’autonomia di 483Km ed ovviamente le prestazioni aumenteranno. Il primo modello costerà circa 70.000 dollari mentre per il Performance ce ne vorranno circa 80.000.

PERFORMANCE E TECNOLOGIA – La versione Performance, oltre alle già citate prestazioni del motore, dispone di una sofisticata componentistica che la distingue dagli altri allestimenti. Fra questi troviamo un tetto panoramico; luci di posizione a Led e fari allo Xenon; finiture esterne in carbonio; sospensioni attive; pacchetto tecnologico che comprende entrate Usb e un Hard Disk da 16 Gb; interni in Nappa e Alcantara con inserti in fibra di carbonio; controllo della trazione sportivo e per non passare inosservati dei cerchi da 21 pollici. La garanzia delle batterie è di 8 anni e percorrenza illimitata e l’auto potrà usufruire (questa volta compreso nel prezzo) dell’impianto “Supercharger” per ridurre i tempi di ricarica. Reesta da chiedersi se dopo avera “farcita” di tutte queste tecnologie (ma non si parla di airbag o altri sistemi utili) avranno pensato al crash test? Le auto elettriche hanno dimostrato in varie occasioni di essere ormai sicure come le auto “normali”, ma per un'azienda giovane come la Tesla non sarà facile rendere altamente sicure le proprie auto. Ci saranno riusciti? Lo vedremo in occasione del primo crash test indipendente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP