Nuova Nissan Qashqai, attenta alla sicurezza

Sulla seconda generazione della crossover giapponese debutta il sistema Nissan Safety Shield

27 gennaio 2014 - 12:51

Dopo aver inventato, sei anni fa il segmento delle crossover e venduto oltre 2 milioni di esemplari, la nuova Nissan Qashqai vuole rimanere il riferimento delle crossover compatte. La lunghezza è cresciuta di 49 mm, arrivando a 4,38 metri, la larghezza è salita di 2 cm e il tetto si è abbassato di 1 cm. Curata anche l'efficienza di marcia, con il peso diminuito fino a 40 kg e il Cx ridotto fino a 0,32, grazie anche alle prese d'aria anteriori a portata variabile. Debutta anche l'ultima versione del sistema NissanConnect che si avvale di un display touchscreen da 7 pollici. Il bagagliaio guadagna 20 litri, arrivando ad un totale di 430 e sfrutta la configurazione a doppio pianale. La nuova Nissan Qashqai è la prima vettura del Gruppo Renault-Nissan basata sulla nuova architettura modulare CMF e arriverà sul mercato a febbraio 2014.

MOTORI – I motori sono condivisi con altri modelli del Gruppo Renault-Nissan: due benzina e due diesel, tutti turbo a quattro cilindri. Si parte con il 1.2 DIG-T, che eroga 115 CV e 190 Nm di coppia e promette consumi di 5,6 L/100 km, mentre al top della gamma benzina c'è il 1.6 DIG-T da 160 CV e 240 Nm di coppia, che dichiara gli stessi consumi del fratello minore. Nel gamma diesel ci sono il 1.5 e il 1.6 dCi, da 110 e 130 CV. Emissioni record per il primo con 99 g/km di CO2, mentre il 1.6 dCi sale a 115 g/km (consumi di 3,8 L/100 km e 4,4 L/100 km). Tutti i motori montano il sistema Start/Stop e sfruttano la frenata rigenerativa. Sulla 1.6 dCi è disponibile anche la trazione integrale ALL-MODE 4X4-i. In questo caso le sospensioni posteriori adottano uno schema multi-link, mentre nelle versioni a due ruote motrici c'è il classico ponte interconnesso.

SAFETY SHIELD – La nuova Nissan Qashqai si pone come “best in class” per sicurezza, grazie al pacchetto Safety Shield, disponibile dall'allestimento intermedio Acenta e di serie sul top di gamma Tekna, che prevede in opzione anche la versione “Plus”. Ecco tutte le funzioni del Nissan Safety Shield: il sistema di frenata di emergenza, che esegue una scansione radar del tratto di strada davanti al veicolo: inizialmente, emette un allarme acustico per segnalare l'avvicinamento all'auto che precede, poi se il guidatore non agisce inizia a frenare e, se la distanza continua a diminuire, frena al 100%. Il rilevamento stato di allerta del guidatore, che analizza lo stile di guida per 10 minuti e controlla i movimenti dello sterzo, accendendo una spia sul cruscotto non appena diventano incostanti.

AROUND VIEW MONITOR – La nuova Nissan Qashqai ha anche una telecamera anteriore che rileva e mostra automaticamente i segnali dei limiti di velocità. C'è poi l'avviso di cambio di corsia involontario che segnala le deviazioni dell'auto rispetto alla corsia di marcia, rilevando anche la segnaletica orizzontale più sbiadita. Il sistema di copertura degli angoli ciechi, invece, sfrutta la retrocamera anteriore per individuare i veicoli che si trovano nell'angolo cieco degli specchietti retrovisori, su entrambi i lati dell'auto. La presenza di veicoli viene segnalata con una spia nel retrovisore esterno e se il sistema rileva una potenziale collisione con un veicolo che sta sopraggiungendo, si aggiunge un allarme sonoro. La Qashqai è dotata anche dell'Around View Monitor, il sistema di ausilio al parcheggio con visuale aerea a 360° che segnala la presenza di oggetti tutti intorno al veicolo, con la telecamera posteriore che ha un angolo superiore ai 180°. Infine, la regolazione automatica dei fari anteriori gestisce automaticamente il passaggio da anabbaglianti ad abbaglianti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Risarcimento con procedura ordinaria sinistro

Sinistro con auto non identificata: per la Cassazione bisogna provarne la presenza

UK: la prima rotonda che dà la precedenza a ciclisti e pedoni

Previsioni traffico Natale 2019

Previsioni traffico 7, 8 e 9 agosto 2020, il weekend più caldo