Nuova Golf VII: finisce l'attesa per il mercato italiano

Il prossimo weekend sarà dedicato alla prima assoluta in Italia della nuova Golf, un concentrato di tecnologia e stile

9 novembre 2012 - 16:53

L'avevamo vista e avvicinata al Salone di Parigi 2012, ora è arrivata anche in Italia. Il prossimo sabato 10 e domenica 11 novembre Volkswagen dedicherà un porte aperte al debutto italiano della Nuova Golf VII.

LO STILE NON E' ACQUA – Ogni generazione della solida berlina tedesca che ha dato filo da torcere alle dirette concorrenti europee nella top-ten delle vendite, si è contraddistinta per un design innovativo, senza mai tradire il carattere sobrio ma al tempo stesso dinamico di un'auto elegante di classe superiore. La Nuova Golf VII sembrerebbe nata per stupire, coccolare ma soprattutto proteggere i passeggeri con soluzioni innovative che incrementano gli standard di sicurezza attiva e passiva rispetto ai precedenti modelli. Il passo più lungo della Golf VII esalta l'abitabilità interna, mostrando una carrozzeria dal tradizionale appeal Volkswagen con il muso più slanciato e il cofano motore allungato. Le forme possenti ma pulite del nuovo vestito coprono interni rinnovati, con la plancia orientata a sinistra, un ambiente sempre luminoso con illuminazione led e tanta tecnologia sviluppata dalla Casa di Wolfsburg per entusiasmare ogni minuto trascorso a bordo.

CONFORT PREMIUM – Un'auto luminosa sembra più spaziosa e anche se la Golf VII non sembra certo l'auto su cui si viaggia “a gomitate”, il nuovo tetto panoramico scorrevole e sollevabile fino a 3 cm (optional da 1010 euro) estende i confini dell'abitacolo. Particolari luminosi nelle portiere e ai piedi dei passeggeri consentono di trovare facilmente oggetti riposti nei vani portaoggetti, ma i led dal ridotto consumo energetico caratterizzano anche il frontale, impreziosito dalle luci di marcia diurna, tra i fari Bi-Xeno (1805 euro) con funzione integrata di svolta, per individuare gli ostacoli nelle curve. Il nuovo sistema ergoActive regalerà al conducente una posizione di guida ottimale con 14 possibili regolazioni manuali e un supporto lombare elettrico con massaggio, accessorio che vale 345 euro sull'allestimento Highline (da 22.000 euro).

SICUREZZA DI PRIM'ORDINE – La guida in città è comunemente condita di traffico, stress e potenziali distrazioni causate da uno stato d'ipnosi da stop&go, ma con un pacchetto riservato a Comfortline e Highline (545 euro) si potrà guidare più rilassati. Mentre il sistema ACC provvede a mantenere la giusta distanza dall'auto che precede, il sistema City Emergency Brake frena l'auto quando rileva un rischio di collisione a velocità inferiori di 30 km/h entro 10 metri. Quando una collisione è inevitabile o si prospetta tale, il sistema di protezione proattivo pretensiona le cinture di sicurezza anteriori e chiude finestrini e tetto scorrevole. In seguito a un urto, invece, il sistema di frenata multipla Multi Collision Brake rallenta automaticamente l'auto fino a 10 km/h lasciando al guidatore la possibilità di controllare il volante ed evitare un secondo impatto. Il sistema Lane Assist, che aiuta a mantenere la traiettoria attraverso una telecamera e indirizza il conducente con un leggero impulso al volante guidandolo nella giusta direzione e il Dynamic Light Assist, che regola il fascio luminoso dei fari Bi-Xeno in base ai veicoli rilevati dalla telecamera, fanno parte dello stesso pacchetto (580 euro). Fin dalla versione entry-level Trendline (da 17.800 euro per l'1.2 TSI 3 porte) la sicurezza di guida di serie è garantita da 7 airbag, tra cui quello per la protezione delle ginocchia del guidatore (optional invece i laterali posteriori al prezzo di 345 euro), ESC con assistente di controsterzata, ABS, ASR, EDS, MSR, Multi Collision Brake, Fatigue Detection e il Freno di stazionamento elettrico che sfrutta due motori elettrici per bloccare i freni a disco posteriori nelle fermate in salita (funzione di Auto Hold), rilasciandoli automaticamente alla partenza senza strattoni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto usate: gli italiani preferiscono ancora le diesel

Pneumatici nuovi: emettono idrocarburi per 3.000 km

Incidenti stradali in Europa: 6 mila bambini, le vittime in 10 anni