Volkswagen T-Roc R, al Salone di Ginevra debutterà la versione sportiva

La variante più prestazionale della Volkseagen T-Roc debutterà al Salone di Ginevra 2019, ereditando molte tecnologie dal resto della gamma

15 febbraio 2019 - 13:08

Al Salone di Ginevra 2019 Volkswagen presenterà la nuova Volkswager T-Roc R, la variante più prestazionale del suv medio di Ingolstad. La R si posizionerà al vertice della famiglia T-Roc tanto per prestazioni, quanto per dotazioni, andando così a completare la gamma. La nuova versione del suv tedesco, infatti, non garantirà soltanto performance di prim'ordine, ma anche un equipaggiamento particolarmente ricco tanto dal punto di vista tecnologico, quanto di sicurezza. La R erediterà molte delle componenti presenti sul resto della gamma, come l'infotainment Composion Media e un buon numero di sistemi di assistenza alla guida.

CATTIVA ANCHE NELLO STILE L'unica immagine attualmente rilasciata della nuova Volkswagen T-Roc R è un bozzetto dell'anteriore, sul quale spiccano alcuni elementi tipici delle versioni R di Volkswagen. Rispetto alle T-Roc più “tranquille” salta subito all'occhio la grande presa d'aria anteriore che corre da un lato all'altro del paraurti, chiamata a convogliare aria verso il propulsore che si cela sotto il cofano. Nessuna informazione, invece, sullo stile della parte posteriore dove tuttavia è possibile aspettarsi la presenza di un sistema di scarico a quattro uscite come sulla Golf R.

FINO A 300 CV Volkswagen non ha ancora diramato informazioni ufficiali riguardo il powertrain della nuova T-Roc R. Tuttavia, è plausibile aspettarsi la presenza del 2 litri TSI da 300 CV, abbinato al cambio automatico DSG a sette rapporti e alla trazione integrale 4 Motion. Sostanzialmente lo stessa schema tecnico della cugina Cupra Ateca. Sconosciuti, di conseguenza anche i dati sulle prestazioni, ma se il paragone resta quello con la suv spagnola, allora è giusto ipotizzare uno scatto da 0 a 100 km/h nell'ordine dei 5 secondi e una velocità massima che potrebbe aggirarsi intorno ai 250 km/h.

TUTTO DIGITALE Trattandosi della variante top di gamma, è lecito aspettarsi che la nuova Volkswagen T-Roc R possa contare su una dotazione tecnologia ai vertici, come l'Active Info Display che sostituisce il tradizionale quadro strumenti analogico con uno digitale completamente personalizzabile nella grafica. Il guidatore, infatti, può richiamare sullo schermo le informazioni che preferisce sulle condizioni della vettura, sui media in riproduzione o sul navigatore. Al centro della plancia, invece, possibile la presenza del sistema di infotainment Composion Media, che attraverso uno schermo touch da 8 pollici permette di controllare tutte le funzioni di radio, navigatore e dei vari supporti multimediali quali aux, usb e Bluetooth, assicurando naturalmente la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto.

SICUREZZA AI VERTICI Anche la capitolo sicurezza è naturale ipotizzare la presenza di una lunga serie di sistemi di ausilio alla guida disponibili su altri modelli di casa Volkswagen e sulla stessa T-Roc. Tra questi l'Adaptive Cruise Control e il Lane Assist ai quali si somma il Front Assist, che arriva a frenare l'auto automaticamente in caso di emergenza, riconoscendo anche i pedoni. A questi si aggiunge il Blind Spot che avvisa il conducente della presenza di un veicolo nell'angolo cieco in fase di cambio corsia o uscita da un parcheggio. C'è poi il Traffic Jam Assist, che attraverso un radar montato nella parte anteriore della vettura è in grado di monitorare il traffico che circonda l'auto, mantenendo la distanza di sicurezza e frenando l'auto in caso di emergenza. A tutti gli effetti un sistema di guida autonoma di livello due. Conclude la dotazione di sicurezza l'Emergency Assist, che rileva l'eventuale inattività del conducente, prendendo il controllo dell'auto e portandola al completo arresto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volkswagen T-Cross: ora anche con il 1.6 TDI da 95 CV

Mercedes verso meno auto ma più accessoriate: l’annuncio dagli USA

Golf 8: ecco come sarà la generazione 2020