Salone di Ginevra: KIA rivela il futuro design con Sportspace

Kia approfondisce e sviluppa il suo DNA stilistico in un interessante concept ideato per la famiglia e pronto per aggredire le concorrenti europee

3 marzo 2015 - 10:00

Il Salone di Ginevra è l'occasione per la casa coreana di presentare interessanti prodotti, sia in termini di concept, che di evoluzione degli attuali modelli. Il più interessante per sua natura inedita è la show car Sportspace con la quale il brand Kia insegue l'obiettivo di fissare una sua identità stilistica idonea a contrastare la concorrenza su tutti i mercati dove è presente. Le forme ritraggono una wagon sportiva appartenente al segmento medio-alto, realizzata dal Centro Stile Kia europeo di Francoforte, che delinea un'originale e moderna definizione del pensiero di grinta ed eleganza.

CAMBIA FACCIA – Il “volto” presenta un innovativo disegno contraddistinto da una fascia nera, impreziosita con una cornice cromata, che corre per tutta la larghezza della vettura e incorpora gli speciali doppi proiettori a led tridimensionali. Il cofano è ampio e deciso, colpisce l'osservatore per l'insieme delle linee ben definite che proiettano le superfici del “musetto” verso il parabrezza. Il paraurti anteriore riceve un'impronta distintiva attraverso la calandra nera, che crea un gioco di contrasto con l'estremità interna dei proiettori, oltretutto tale elemento ha anche il compito di alleggerire il tocco racing delle prese d'aria per i freni con le luci diurne a led.

FUORI DAGLI SCHEMI – La vista laterale consegna un'elegante silhouette approfondita da dettagli corsaioli, come possenti muscoli e aereonautici sfoghi d'aria. Il lungo cofano ha un disegno a “coperchio” e forgia una singolare configurazione che sovrasta il muso dalla sommità dei proiettori fino ai montanti del parabrezza. La linea di cintura è tesa e bassa, e sale vertiginosamente in corrispondenza dell'ultimo vetro: questo mix crea un'affascinante struttura ad ala che termina con il profilo del lunotto. Il tetto è spiovente e segue perfettamente il tratto dei vetri, anche in questo caso impreziositi da una cornice superiore cromata, dettaglio già visto nel frontale. Le porte, di generose dimensioni, celano delle maniglie a “scomparsa” e sono scolpite nella lunga nervatura che termina sopra i fanali; romantico ricordo delle Alfa Romeo tra gli anni '80 e '90, come la 164. Non mancano particolari da “auto da corsa” come i larghi passaruota, le minigonne bicolore e gli sfoghi d'aria.

NON CI SIAMO GIA' VISTI? – La coda chiude elegantemente i tratti visti in precedenza, tuttavia i parametri estetici definiti dal centro stile richiamano altre vetture concorrenti che popolano i listini. Certo che nell'ambito automobilistico, come nella musica, le note sono sette e si tratta d'ispirazione non certo di plagio. Nella Sportsace troviamo dei tecnologici fanali a LED che preparano la scena al logo centrale e “sorreggono” un ampio lunotto, privo di tergicristallo (non necessario alla show car). La targa posteriore è ospitata in un'area del portellone che trova continuità con il paraurti “iper-sportivo” per due grossi scarichi, ospitati in una dinamica sotto-struttura realizzata in fibra di carbonio.

SPAZIO SPORTIVO – L'interior design deve mantenere fede allo spirito esterno, quindi anche Sportspace conferma la sua immagine d'innovatrice e ambasciatrice del nuovo corso stilistico di Kia. Detto questo, entriamo e respiriamo da subito l'aria di tecnologia a profusione, con strumentazione total display per il guidatore, accoppiata al monitor “di servizio” centrale. Lo stile della plancia è estremamente lineare e pulito e in alcuni dettagli sconfina nel vintage; ne è un esempio il bellissimo volante dalla conformazione “a calice”.  Anche la consolle centrale conserva la nitidezza stilistica del cruscotto e solleva verso il guidatore la grintosa leva del cambio. Materiali pregiati come pelle e fibra di carbonio convivono armoniosamente nell'abitacolo della Kia Sportspace, presentata al Salone Internazionale di Ginevra 2015.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kia Sorento Hybrid Plug-in: 5 curiosità del modello 2021

Volvo: un simulatore per videogame migliora la sicurezza delle auto

Le 10 auto piccole più economiche del 2020