Jeep Renegade: la versione S ha look sportivo e dotazione al top

La Jeep Renegade si presenta in una serie speciale con cerchi da 19?, Uconnect da 8?4 e Adas di ultima generazione, tutto di serie

5 febbraio 2019 - 11:00

È una storia di successo, quella della Jeep Renegade. La piccola della Casa di Toledo Ohio – ma prodotta a Melfi – è arrivata sul mercato nel 2014 stabilendo nuovi record di vendita per il marchio. La Renegade, lo scorso anno, si è sottoposta a restyling e ha introdotto nuovi fari, mascherina più grande e un paraurti dal disegno diverso. Oggi si presenta a listino un una inedita versione S che punta a sedurre con un aspetto aggressivo e contenuti al top della gamma.

LOOK DA CATTIVA  La nuova Jeep Renegade S si riconosce esternamente, oltre che per i fari Full Led davanti e dietro, per una serie di dettagli in grigio scuro satinato (Granite Crystal, lo chiamano). Con questa finitura sono realizzati tutti i badge, le listelle della calandra, le barre al tetto e anche i cerchi, che su questa versione sono rigorosamente da 19″.

INFOTAINMENT AL TOP Per l'abitacolo, la Renegade S sceglie finiture “all black”. L'ambiente è curato grazie a volante rivestito in pelle, ai sedili “premium” e alla ricca dotazione, che comprende il climatizzatore automatico bi-zona, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori e, soprattutto, il sistema di infotainment Uconnect di ultima generazione. Ha touchscreen da 8″4 con navigatore satellitare integrato e con compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto.

NON RINUNCIA ALLA SICUREZZA Sotto il profilo della sicurezza, la Jeep Renegade S adotta tutte le tecnologie disponibili sui modelli del gruppo FCA: ha il cruise control adattativo, la frenata d'emergenza assistita con rilevatore del pericolo di tamponamento, il monitoraggio di superamento involontario della carreggiata e il riconoscimento della segnaletica verticale.

TRE MOTORI E TRE TRASMISSIONI La Jeep Renegade S è disponibile con tre diverse motorizzazioni. Si può scegliere tra il 1.3 Torbo T4 a benzina da 150 CV e il 1.6 e il 2.0 Multijet a gasolio, rispettivamente da 120 e 140 CV, tutti dotati di catalizzatore Scr. Tre le trasmissioni disponibili: manuale a sei marce, doppia frizione DDCT a sei marce e automatica a nove rapporti. Due le trazioni: anteriore o integrale Active Drive Low con Select Terrain, Hill Start Assist e Hill Descend Control. Per i prezzi bisogna attendere i porte aperte previsti per il 9 e 10 febbraio, il 16 e 17 e il 23 e 24.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto in panne: nel 60% la guida autonoma di livello 2 non le riconosce

Incidenti Tesla: oltre il doppio senza Autopilot nel 2020

ADAS più affidabili: come cambiano le telecamere per la guida autonoma 2+