Hyundai presenta l'auto "inarrestabile? che scavalca i muri

Si chiama Hyundai Elevate, il prototipo di auto pensato per non fermarsi neppure di fronte ad ostacoli alti un metro e mezzo, in anteprima al CES 2019

10 gennaio 2019 - 17:17

Hyundai supera il concetto stesso di auto al Ces 2019. In occasione dell'evento annuale dedicato alla tecnologia in corso a Las Vegas il brand coreano sbalordisce il mercato presentando il concept futuristico Elevate. Si tratta di un veicolo provvisto di ruote che, sfruttando un sistema idraulico, riesce a modificare la dislocazione degli penumatici. In questo modo supera ostacoli di ogni tipo compresi terreni impraticabili per qualsiasi SUV in commercio. Questo veicolo promette di accrescere anche la moblità dei disabili e favorire i soccorsi in zone di emergenza. Hyundai lavora anche alla moblità connessa ed elettrica che indende sostenere con l'introduzione sul mercato di una piattaforma tutta nuova.

SUPERARE I LIMITI Hyundai ha dato vita a Cradle lunità operativa che è alla ricerca di innovazioni capaci di guidare la mobilità futura. Dallo scorso settembre è stata, in questo senso, avviata una partnership con WayRay che ha prodotto quale primo risultato il concept “Elevate”. Si tratta del primo Ultimate Mobility Vehicle (UMV) che combina la la robotica e la tecnologia a zero emissioni EV per portare le persone dove nessun veicolo è mai arrivato prima d'ora. Il mezzo promette di superare dislivelli imponenti e rivoluzionare la mobiltà individuale e collettiva. Al momento sono allo studio diverse opzioni compresa una variante da impiegare in complessi scenari di emergenza (Leggi Audi presenta il robotaxi che vola come un drone). Hyundai, come tutti i brand dell'auto, è impegnata nella revisione del suo modello di business. L'azienda ha annunciato che investirà in progetti strategici chiamati ad esplorare temi attualissimi come guida autonoma, connessa ed anche intelligenza artificiale. Sotto quest'ultimo aspetto il marchio ha reso noto l'interesse alla collaborazione con terze parti per impegnarsi attivamente nell'incoraggiare e sostenere le startup che operano nel settore.

SVILUPPO GLOBALE La vision di Hyundai, presentata al Ces 2019, si basa su tre aree chiave; mobilità del futuro e Open Innovation, veicoli elettrici e mobilità connessa. Sul fronte della mobilità elettrica, Hyundai introdurrà i veicoli EV costruiti sulla nuova piattaforma E-GMP che promette di offrire, grazie all'Integrated Drive Axel (IDA), un'esperienza di guida più silenziosa e più stabile. “I modelli di veicoli elettrici dedicati offriranno caratteristiche personalizzabili, consentendo ai conducenti di modificare lo spazio e la configurazione dei veicoli in modo più efficiente rispetto ai veicoli derivati dall'architettura tradizionale e a combustione interna”, ha affermato Wonhong Cho, di Hyundai Motor assicurando anche che “Hyundai Motor cerca di offrire un'esperienza completamente nuova ai clienti con stili di vita e bisogni diversi, andando oltre la stessa tecnologia di guida autonoma”. Ferve anche il lavoro in materia di guida connessa. Il marchio vuole garantire ai clienti maggiore sicurezza fornendo avvisi in tempo reale relativi alle condizioni della strada e agli aggiornamenti meteo. L'introduzione di una piattaforma “aperta” consentirà di coinvolgere le idee anche di terze parti (Leggi Audi porta al Ces 2019 l'auto connessa di ultima generazione).

NOVITA' A TUTTO TONDO Insomma 10 milioni di auto connesse entro il 2020 non sono poche ma Hyundai vuole fare di più. Il marchio, in collaborazione con la startup svizzera WayRay, ha svelato al CES 2019 il primo sistema di navigazione olografica basato sulla realtà aumentata. Il vantaggio è rappresentato dall'immagine stereoscopica che viene visualizzata sulla strada percorsa e regolata in base all'angolo di visione specifico del conducente. Il guidatore può sfruttare immagini olografiche precise senza i dover indossare nessun dispositivo (ad esempio un visore) perché la proiezione di avvisi avviene attraverso il parabbrezza dell'auto. Il display di WayRay mette in evidenza non solo le funzionalità di navigazione e incorpora anche funzioni di guida assistita come l'avviso di superamento di corsia o di collisione frontale. L'obiettivo è anche quello di sviluppare ulteriormente avanzate funzioni di guida assistita come il rear side warning system e l'Highway Driving Assist. Inoltre l'integrazione della tecnologia V2X e le funzionalità di connettività consentiranno di fornire informazioni in tempo reale su segnali stradali, veicoli circostanti, nonché condizioni stradali o meteorologiche.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Kia Ceed: prima immagine del crossover

Ford: il futuro in Michigan tra auto autonoma e elettrica

Gamma Audi, si rinnovano i motori di berline e station wagon