Ford, il test dei sedili "indistruttibili?: in poche ore simula l'usura di 10 anni

Ford mostra come allena e testa i sedili a resistere a caldo, sudore e peso degli occupanti con Robutt, un robot specializzato nei test di seduta

9 gennaio 2019 - 17:07

Ford punta sulla qualità dell'offerta e sceglie di scommettere sulla ricerca. Per garantire la durevolezza di una componente essenziale dell'auto, parliamo dei sedili, ecco in campo un robot speciale. Compito di Robutt, questo il nome della macchina, è quello di simulare l'usura dell'abitacolo al trascorrere degli anni di utilizzo. I test risultano metodici ed assolutamente completi. In soli tre giorni il dispositivo si siede e muove sul sedile per ben 7.500 volte. L'androide viene inoltre riscaldato fino a 36° C e inumidito per ottenere risultati ancor più verosimili. Ecco allora che in laboratorio si arriva a capire che aspetto avrà l'auto dopo 10 anni di servizio. Insomma la riscossa commerciale parte dalla ricerca.

TEST SERRATI Per offrire ai propri clienti la certezza di poter contare sulla solidità della propria auto Ford ha scelto di scommettere sulla fase di sviluppo dei suoi prodotti. Ecco allora esordire una serie di test in laboratorio che hanno lo scopo di capire come si presenteranno gli interni della propria Ford. Grazie ai test condotti con Robutt, questo il nome dell'automa protagonista degli studi, il brand americano promette maggiore comfort e resistenza anche al sudore. Robutt nasce, infatti, con l'intento di assicurarsi che i materiali utilizzati a bordo delle vetture di serie possano resistere a un decennio di usura anche derivante dal sudore di chi entra nell'auto oppure la guida fino a casa. “Le automobili fanno parte della nostra vita quotidiana e, in questo periodo dell'anno in particolare, anche l'esercizio fisico”, ha affermato Florian Rohwer, Ingegnere di sviluppo, presso Ford Europa (Leggi Airbag difettosi 1 milione di Ford richiamate negli Usa).

ANDROIDE POLIVALENTE Il logoramento degli interni è un problema molto serio. Oltre che antiestetico decrementa notevolmente il valore di rivendita della nostra auto. In casa Ford i test servono proprio ad evitare questi spiacevoli inconvenienti legati al passare degli anni. Per il test del sudore, Robutt ha simulato addirittura un decennio di utilizzo dell'auto, in soli tre giorni. L'automa si è seduto o mosso sul sedile per ben 7.500 volte. L'androide è stato inoltre riscaldato a 36° C e inumidito con 450 ml di acqua. Presentato per la prima volta nel 2018 per Fiesta, Robutt è attualmente utilizzato anche per i collaudi degli altri modelli europei del marchio. Del resto, come ha concluso lo stesso Rohwer, “Robutt è un ottimo modo per controllare che i nostri sedili si mantengano “in forma” per gli anni a venire”. Insomma attenzione al cliente ma anche al futuro della mobilità come confermano i recenti dialoghi in corso tra Ford ed il gruppo Volkswagen.

SVILUPPO AL CENTRO E' noto che da diverso tempo è in corso un serrato confronto tra i costruttori di auto mondiali per definire strategie produttive e di sviluppo. Pare che Ford abbia intrapreso una concertazione con VW per razionalizzare i costi e ridurre l'impatto della ricerca sui bilanci. Ford si è mossa anche sul fronte della guida autonoma. Lo scorso luglio ha creato un'unità dedicata, del valore di 4 miliardi di dollari, per guidare le sue operazioni legate alla messa su strada di veicoli a guida autonoma. Ford Autonomous Vehicles LLC, è la nuova realtà tecnologica che si basa sul know-how della startup Argo AI con sede a Pittsburgh che Ford ha acquisito nel 2017 (Leggi accordo vicino tra Ford e Volkswagen per le auto elettriche).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Kia Ceed: prima immagine del crossover

Ford: il futuro in Michigan tra auto autonoma e elettrica

Gamma Audi, si rinnovano i motori di berline e station wagon