DS3 Crossback 2019: si accende dallo smartphone e ha la guida autonoma

La nuova DS3 Crossback 2019 debutta con tante chicche tecnologiche da auto premium e funzioni di assistenza alla guida come il Drive Assist

30 gennaio 2019 - 11:08

Il marchio DS prosegue il suo percorso di affermazione sul mercato come marchio indipendente e dopo la DS7 Crossback è ora il momento della più piccola DS3 Crossback di fare il suo debutto sul mercato e che in un secondo momento arriverà anche in variante elettrica. Nonostante le sue dimensioni compatte, la più piccola del produttore francese può vantare la presenza di diversi contenuti tecnologici tra i quali spicca il Drive Assist, un pacchetto di sistemi di ausilio alla guida che rappresentano per la DS3 Crossback un primo passo verso la guida autonoma.

OBBIETTIVO GUIDA AUTONOMA Per il suo funzionamento, il Drive Assist sfrutta il lavoro congiunto di un radar montato nella parte frontale della vettura, sotto la grande calandra che accoglie il logo DS e di una serie di telecamere posizionate invece dietro il parabrezza. Queste sono in grado di leggere la segnaletica orizzontale mantenendo attivamente la vettura all'interno delle linee di carreggiata. Questa funzione lavora di pari passo con quella di monitoraggio delle condizioni del traffico che circondano l'auto e, attraverso il cruise control adattivo, mantenere la distanza dai veicoli che precedono, arrivando fino ad arrestare completamente la macchina se necessario. Un sistema di guida semi-autonoma, in grado di funzionare fino a una velocità di 180 km/h.

PARCHEGGIA DA SOLA Il Drive Assist della nuova DS3 Crossback svolge anche la funzione di assistente al parcheggio, aiutando il conducente nelle fasi di manovra. E non è tutto. Grazie al Park Pilot, infatti, la DS3 Crossback è in grado di cercare autonomamente il parcheggio adatto alle dimensioni della vettura, procedendo a una velocità non superiore ai 30 km/h. Il sistema è in grado di scegliere il posto migliore sia tra i parcheggi a pettine, sia tra quelli in parallelo e una volta trovato quello giusto, al conducente non resterà che tenere premuto il pulsante Park, lasciando che il sistema si occupi autonomamente di intervenire volante e pedali.

MANIGLIE A SCOMPARSA Tanta tecnologia anche negli esterni, dove compaiono per la prima volta su un modello di questa fascia di mercato, le maniglie delle portiere a scomparsa. Queste sono incorporate nella carrozzeria, fuoriuscendo soltanto in caso di necessità o quando la vettura viene aperta. A proposito di apertura, questa, così come l'accensione, avvengono attraverso il sistema Keyless Access & Start, che permette di sbloccare le portiere quando ci si trova entro 1,5 metri di distanza dall'auto. In alternativa, grazie alla funzione Smart Access, si può utilizzare lo smartphone per aprire e accendere l'auto, sfruttando l'app MyDS che attraverso del Bluetooth comunica con l'auto e consente la condivisione del veicolo fra cinque utenti diversi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida autonoma: UE pubblica il regolamento con le prescrizioni tecniche

Auto nuove: la domanda in calo potrebbe abbassare i prezzi

Alfa Romeo è Top Luxury Brand nella classifica JD Power