Citroen AMI One: l'elettrica a 2 posti debutta al Salone di Ginevra 2019

La concept elettrica rappresenta a Ginevra il futuro della mobilità secondo Citroen che immagina auto da guidare senza patente. Ma la sicurezza?

19 febbraio 2019 - 20:57

Psa presenta un nuoco concetto di mobilità in vista del Salone dell'auto di Ginevra 2019. Il brand francese rivela la concept Citroen Ami One. Si tratta di un veicolo compatto, è lungo solo 2,50 metri, che promette abitabilità e versatilità di utilizzo in città. Il mezzo è elettrico e vuole rapprensentare la perfetta autonomia a scooter o bicicletta. Pensato per una clientela giovane lo si può guidare già a partire dai 16 anni di età. L'idea di fondo è quella di portare in città un mezzo dalle dimensioni piccole ma dotato di tanta tecnologia e della solidità necessaria per la sicurezza strutturale. Ami One concept promette un'autonomia elettrica fino a 100km e sarà abbinato ad una serie di offerte di noleggio flessibile. Vediamo come Citroen vuole intecettare le necessità della clientela alla ricerca di una soluzione cittadina.

UN CONCETTO NUOVO Citroen presenta la sua concept protagonista del prossimo Salone dell'auto di Ginevra 2019. Il brand vuole rinnovare la mobilità individuale in città con la futuristica Ami One Concept un'alt. L'idea è realizzareernativa perfetta al trasporto pubblico (bus, tram, metro) e agli altri mezzi di trasporto individuale su 2 ruote come bici, scooter o monopattino. La concept vanta 2 posti ed ha una linea ultra compatta che le permette di essere lunga solo 2,50 metri. Insomma spostarsi con grande agilità in città richiede le dimensioni giuste ma anche la giusta dose di sicurezza. La sua struttura e il suo design, la rendono accessibile a tutti a partire dai 16 anni di età. Ami One Concept è pensato, quindi, per una clientela urbana che possiede o meno la patente di guida e che condivide una forte esienza di libertà di movimento green(Leggi Psa e Fca confermano la partneship in Italia).

ELETTRICO E CONNESSO La vettura si basa su un nuovo ecosistema 100% digitale e lancia un'esperienza personalizzata. Nei fatti consente di scegliere facilmente i tempi di utilizzo più adatti alle proprie esigenze. Al centro troviamo car sharing e noleggio per avere a disposizione il veicolo a partire da un minimo di 5 minuti potendone modulare l'utilizzo fino a diverse ore, senza impegno e tutto compreso (Leggi auto elettriche l'autonomia crolla con il freddo). Si parte da un minimo di 5 minuti di utilizzo fino al noleggio a lungo termine di 5 anni. Fondamentale l'applicazione che entra in gioco per offrire un'interazione privilegiata con Ami One Concept. Il conducente può liberamente gestire i parametri di bordo, accedere a un portale di servizi che facilitano gli spostamenti in città (ricerca di parcheggio, geolocalizzazione) o rolungare il contratto di utilizzo. La vettura viaggia fino a 45km/h senza emettere la minima emissione di CO2 ed offre 100 km di autonomia complessiva.

INTUITIVA E CONNESSA Per una ricarica completa sono sufficienti 2 ore, attraverso una presa di ricarica pubblica, la presa domestica o una Wallbox. L'auto monta 4 ruote da 18'' ed ha una lunghezza 2,50 m, una larghezza di 1,50 m e 1,50 m di altezza. Al centro del tutto, ancora una volta, lo smartphone che apre e chiude l'auto leggendo il QR CODE presente sulla base in alluminio delle maniglie delle porte. Dopo essersi seduto, il conducente viene invitato a posizionare il telefono di fronte a lui, nell'apposito alloggiamento. Non manca l'assistente personale, per un'interazione ottimizzata con il conducente. Ci sono 2 tasti sul volante: uno è il comando vocale per chiamare l'assistente e l'altro un menu a scorrimento per navigare da un'applicazione all'altra. Il quadro strumenti, semplice ed essenziale, composto da un display da 5'', visualizza le informazioni come velocità e gli indicatori di direzione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Auto elettriche: la ricarica bidirezionale taglierà i costi delle colonnine?

Kia Ceed: prima immagine del crossover

Ford: il futuro in Michigan tra auto autonoma e elettrica