BMW al Salone di Ginevra: le novità ibride 2019

BMW presenta al Salone di Gionevra 2019 sei inedite ibride, tra cui la 330e accreditata di 59 km/l nel misto

20 febbraio 2019 - 19:00

Lo stand BMW al Salone dell'Auto di Ginevra 2019 promette di soprendere. Il brand si concentra da mesi su una vera e propria offensiva di prodotto con un rinnovamento radicale della sua gamma di veicoli. Sotto i riflettori della kermesse ci sarà la nuova generazione dell'ammiraglia Serie 7 che affina design e dotazioni tecnologiche. Novità in arrivo anche per la compatta Serie 1 che lascia la trazione posteriore e si affida all'avantreno cancellando la versione a 3 porte. Sarà della partita anche la quarta generazione di propulsori Plug-In-Hybrid del brand che mira a spostare il baricentro dell'offerta verso motorizzazioni elettrificate. Dovrebbero essere presentate le varianti plug-in di Serie 7, X5 e Serie 3. Quest'ultima sarà anche svelata nella variante station wagon. Vediamo tutte le anticipazioni.

LUSSO IN TESTA BMW sceglie l'annuale appuntamento con il Salone di Ginevra per svelare il restyling dell'ammiraglia Serie 7. Nuovo il forntale ed il retro della vettura che risultano maggiormente affiali e marcati. Dentro spicca il design orizzontale della plancia valorizzato dal nuovo tachimetro digitale e dal Control Display del sistema di infotainment che è stato aggiornato con tutte le funzionalità software del BMW Operating System 7.0. Sotto i riflettori anche la nuova compatta Serie 1 progettata utilizzando la piattaforma modulare FAAR, una versione aggiornata dell'architettura UKL che è già alla base delle attuali BMW X1, X2 e Serie 2 Active Tourer. Tra le novità ci sarà la trazione anteriore e l'abitacolo più spazioso con un bagagliaio più grande. Serie 1 sarà disponibile solo nella variante 5 porte. Nel corso del 2018 il gruppo BMW ha venduto oltre 140.000 modelli elettrificati in tutto il mondo. A Ginevra ci sarà l'occasione per ribadire il suo impegno nell'espansione della sua gamma green con il marchio che punta a vendere oltre mezzo milione di veicoli elettrificati entro la fine del 2019 (Leggi a Ginevra 2019 la nuova generazione della BMW Serie 1).

CAPITOLO ELETTRIFICAZIONE Il marchio tedesco si appresta ad annunciare le varianti ibride plug-in di seconda generazione della BMW Serie 7, X5 e della BMW Serie 3 berlina (Leggi tutti dettagli sulla nuova Serie 7 ibrida). A bordo di Serie 7 troviamo un motore a benzina a sei cilindri in linea e un motore elettrico con una potenza combinata di 290 kW / 394 CV. Anche la capacità energetica della batteria ad alta tensione è stata accresciuta, estendendo il range in solo elettrico a 58 chilometri per la BMW 745e. Anche su BMW X5 esordirà un propulsore elettrificato con un motore elettrico per generare una potenza del sistema di 394 CV. Disponibile da agosto 2019, la BMW X5 xDrive45e promette uno 0-100 km/h in 5,6 secondi. La nuova BMW X5 xDrive45e avrà la tecnologia più recente in tema di batteria con la modalità 100% elettrica raggiungerà gli 80 chilometri totali. Attesa anche per l'ultima versione della fortunata Serie 3 che sarà anche lei ibrida plug-in.

VISIONE GLOBALE Accanto all'ampliamento della gamma di modelli, il gruppo BMW si vuole presentare nella nuova veste di fornitore di sistemi per la mobilità elettrica. BMW e MINI puntano ad offrire ricariche gratuite ed offerte vantaggiose ai clienti che sceglieranno una vettura elettrificata. Dopo i progetti pilota in Svizzera e Francia, a partire dall'aprile 2019 in Germania arriveranno sul mercato i pacchetti all-inclusive con i costi per l'utilizzo a casa o in viaggio. BMW Energy Services mira a cambiare le regole del mercato; non solo i privati potranno beneficiare delle nuove opportunità derivanti dalla fusione della rivoluzione energetica con la mobilità elettrica, ma anche dagli operatori di flotte. L'idea è creare un ponte tra automotive ed i fornitori di energia per mettere in campo offertte molto vantaggiose per i clienti finali.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Kia Ceed: prima immagine del crossover

BMW: la svolta saranno i comandi vocali

Ford: il futuro in Michigan tra auto autonoma e elettrica