Aircross Concept, il SUV di Design secondo Citroen

Citroen dà seguito alla filosofia stilistica inaugurata con la C4 Cactus con un intrigante crossover che anticipa le forme dei futuri SUV francesi

13 aprile 2015 - 11:00

Il nuovissimo Concept Citroën Aircross  può essere interpretato come una vera e propria dichiarazione del marchio francese di entrare prepotentemente nel mercato dei crossover SUV di medie dimensioni. Il più piccolo e inusuale C4 Cactus, dalla quale Aircross prende origine, è orientato principalmente agli automobilisti europei. Di tutt'altra ambizione è il protagonista del nostro articolo. Infatti il nuovo Crossover sarà lanciato al prossimo Salone di Shanghai, dimostrando il desiderio Citroen di incrementare la sua presenza nel più grande e ricco mercato orientale, quello cinese, grazie anche al sostegno del Costruttore locale Dongfeng entrato nel Gruppo PSA. Ora, analizziamo i segreti che contraddistinguono il design di questo emozionante veicolo all terrain.

PENSA IN GRANDE – La lunghezza di 4,58 metri e il passo di 2,80 metri posizionano Citroen Aircross Concept molto vicino ad alcuni blasonati SUV del panorama internazionale. Pensate, è poco più corta di Audi Q5 (4,62 metri) e di una Land Rover Discovery Sport (4,60 metri). L'esterno sprizza novità stilistiche da tutti i pori e rende in un lampo, obsoleto il design squadrato e pesante dei crossover-suv di vecchia concezione. La firma è del designer Gregory Blanchet, che miscela con astuzia elementi familiari della casa francese ad innovativi componenti allroad. Il frontale si struttura attorno alla doppia firma luminosa, inaugurata da C4 Picasso (leggi la prova su strada della Citroen C4 Picasso 1.6 eHDI), che definisce le luci e la calandra su due livelli, con l'area superiore impreziosita dagli chevron di casa, l'originalissimo logo Citroen. Seduce la proporzionata carrozzeria sospesa su enormi ruote da 22″ create appositamente dalla tedesca Continental per affrontare ogni tipo di terreno. L'eredità della filosofia C4 Cactus è riscontrabile nei volumi laterali, come la fiancata liscia, la linea di cintura orizzontale e il cofano motore piatto, che esalta l'inclinazione del montante anteriore nero. Tuttavia non mancano particolari innovativi e caratteristici come la decorazione cromata del vetro laterale posteriore, o lo sfogo dell'aria incastonato nel passaruota anteriore, o ancora, la forma assottigliata dei retrovisori. Al momento non c'è concesso sapere se i vetri posteriori seguiranno l'apertura a compasso presente nella Cactus, tuttavia ci concentriamo sull'aereodinamica. La cornice dello stesso cristallo crea un passaggio d'aria che attraversa uno specifico tunnel disegnato ad hoc per controllare la portanza. La coda termina il moderno disegno con un avvolgente lunotto, il quale idealmente genera una cintura di cristallo che sostiene l'intero tetto “flottante”. Anche i fanali posteriori richiamano la moda attuale, caratterizzati da un profilo luminoso tridimensionale che regala classe alla “vita notturna”.

SI PROTEGGE DA SOLA – Il concetto degli Airbump di gomma della C4 Cactus (leggi la prova su strada della Citroen C4 Cactus) si declina per adattarsi alla nuova dimensione di SUV, quindi, le bolle di gomma della “piccola “C4 lasciano il posto agli “Alloy Bump” in metallo della Concept Aircross. Queste strutture dalla forma alveolare sono costituite in lega d'alluminio ad alto potere assorbente e, secondo quanto dichiarato dalla stessa Citroen, proteggono la carrozzeria e gli occupanti dagli urti laterali derivati da un utilizzo gravoso, tipico della guida in fuori strada. L'aspetto riguardante la sicurezza è di primaria importanza per il Brand francese, molto probabilmente anche il SUV derivato dalla Aircross Concept adotterà l'airbag passeggero che fuoriesce dal padiglione, come la sua musa ispiratrice (C4 Catcus). Con questa tecnologia la plancia si “libera” – avvantaggiando il design – e permette di ricavare vani portaoggetti molto capienti.

AGEVOLA LA COMUNICAZIONE – L'abitacolo di Aircross dispone di quattro generosi sedili 'king-size' in pelle, avvolti da un ricercato tessuto dallo stile retrò. Completa la dotazione il sofisticato sistema di altoparlanti e microfoni inserito nei poggiatesta; tale configurazione permette agli occupanti del veicolo di comunicare tra loro agevolmente con un tono di voce basso. Inoltre, all'interno si respira l'universo del viaggio e della pelletteria in molti particolari. Trionfa l'utilizzo di cinture in pelle che ricordano grandi valigie; le troviamo nei tiranti delle porte, nella maniglia del vano portaoggetti, in consolle centrale e nei due portabicchieri. In tema di infotainment i tecnici francesi hanno svolto un operazione inedita, riprendendo concetti grafici tipici del mondo della moda e dell'arredamento, convertendoli nell'universo automobilistico. Quindi, il sistema è costituito da due monitor 12″ HD, uno dei quali è motorizzato e orientabile e può essere spostato dal centro verso il passeggero, diventando un'interfaccia che accompagna i futuri viaggi a bordo di Aircross Concept.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Citroën cambia Brand Identity: nuovo logo dal 2023

Non c’è crisi per le auto di lusso, vendite record negli USA

Ferrari Purosangue: approfondimento tecnico su Telaio e Sicurezza