Acciai sempre più resistenti: Mazda sviluppa una tecnica per auto più sicure

L'acciaio ultraresistente impiegato anche nelle parti più critiche del telaio fa risparmiare 3 kg a Mazda, ma riuscirci non è così semplice

22 gennaio 2019 - 17:20

Mazda rivela i risultati delle ricerche condotte in materia di acciai. La sinergia con la giapponese Nippon Steel ha svelato i vantaggi degli acciai ad alta resistenza che permettono maggiore solidità e minori consumi di camburante. Insomma resistenza e leggerezza possono convivere senza pregiudicare la sicurezza. I primi risultati degli studi in materia sono oggi adottati sulla nuova generazione della berlina Mazda 3. Quest'ultima adotta montanti anteriori, longheroni del tetto, rinforzi delle cerniere sui montanti e traverse in acciaio ad alta resistenza. Queste soluzioni, che promettono maggiore resistenza agli urti, hanno portato in dote un risparmio di circa 3 kg rispetto alle stesse parti presenti a bordo del modello precedente. Vediamo nel dettaglio quali sono i vantaggi di queste innovazioni tecnologiche.

DIETA FERREA Mazda ha scelto di lavorare insieme a Nippon Steel ed a JFE Steel Corporation per sviluppare una nuova generazione di acciai. Nel dettaglio la partnership ha dato vita al primo sistema al mondo di stampaggio a freddo di parti della scocca. Queste sono state realizzate con acciaio ad alta resistenza di classe 1.310 Mpa1. Si tratta di sviluppi che risultano essere già alla base di componenti adottati su vetture di serie del brand giapponese. Nel dettaglio i veicoli dotati della Skyactiv Architecture di ultima generazione sfruttano acciai ultraresistenti; a partire dalla nuova Mazda 3 tutte le vetture in listino ne saranno fornite. L'acciaio ad alta resistenza consente, infatti, ai costruttori di realizzare lamierati più sottili senza ridurre la robustezza strutturale. Ciò permette di ottenere carrozzerie più leggere, ma comunque stabili su strada e capaci di ridurre i consumi di carburante. Una scocca robusta è essenziale per garantire le prestazioni di sicurezza negli urti e l'adozione dell'acciaio ad alta resistenza si muove proprio in questa direzione (Leggi tutte le novità a bordo della Mazda CX-5 2019).

ACCIAI AD ALTA RESISTENZA Fino ad oggi lo stampaggio a freddo dei componenti strutturali della scocca è stato possible solo con acciai fino a un massimo di 1.180 Mpa. Ciò lo si è dovuto alla duttilità del materiale e alla difficoltà di effettuare tagli precisi. Ecco allora che Mazda, lavorando in collaborazione con aziende leader del settore siderurgico, è riuscita a ottenere le condizioni che hanno reso possibile l'applicazione del processo a freddo anche con acciaio ad alta resistenza da 1.310 Mpa. La nuova Mazda 3 è la prima auto del costruttore che utilizza l'acciaio ad alta resistenza da 1.310 Mpa. Nel dettaglio troviamo il materiale nella parte interna dei montanti anteriori, dei longheroni del tetto, dei rinforzi delle cerniere sui montanti, della seconda traversa e dei rinforzi interni delle soglie. Tutto ciò ha permesso un risparmio di circa 3 kg di peso rispetto alle stesse parti montate nel modello precedente. Mazda è impegnata nello sviluppo di soluzioni tecnologiche anche in campo strutturale come del resto stanno facendo tutti i player del settore automotive.

CONCORRENZA IN CAMPO In tema di acciai ad alta resistenza si concentrano anche gli sforzi in casa Ford. Partendo dal concetto di armatura medioevale il brand americano ha deciso di lavorare sulla qualità dei materiali utilizzati per le componenti strutturali delle proprie vetture. Per riuscire rendere le sue auto più sicure sono stati portati a compimento una serie di specifici test sull'acciaio. Il risultato è un processo di lavorazione a caldo completamente automatizzato che modella e taglia intere parti della scocca della vettura. Le componenti fondamentali per la protezione di guidatori e passeggeri sono lavorate utilizzando specifici forni che scaldano il metallo fino, ma anche robot e laser per portare i materiali fino a 3000°C. (Leggi Ford studia l'auto sicura come una armatura).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nissan Ariya, nel test dell’alce sicura ma poco agile

Albero di Natale in auto: come fare a trasportarlo

Crash test a 150 km/h: il video shock della prova estrema