Nonni al volante, è un'odissea: tre mesi per rinnovare la patente

«Pronto? Vorrei sapere qual è la nuova procedura per rinnovare la patente se si ha più di 80 anni». Inizia con una telefonata al numero verde della Motorizzazione civile l'odissea per...

19 ottobre 2010 - 11:24

«Pronto? Vorrei sapere qual è la nuova procedura per rinnovare la patente se si ha più di 80 anni». Inizia con una telefonata al numero verde della Motorizzazione civile l’odissea per capire cosa deve fare nonno se vuole continuare a guidare. Le modifiche al Codice della strada entrate in vigore il 15 settembre prescrivono giustamente regole più ferree: obiettivo, la maggiore sicurezza in strada. Ci vorrà una mattinata e tanta volontà per scoprire, nei panni una nipote premurosa, cosa si debba fare per rinnovare la guidare.

Prenotazione, certificati e visita. Gli ultraottantenni dovranno essere sottoposti a una visita presso una delle tre commissioni mediche locali (coprono il territorio di tutta Roma e Provincia) e non più come una volta esibire il semplice certificato rilasciato da un medico legale o militare presso una scuola guida ad esempio. Il giorno della visita (che va prenotata di persona) si devono presentare tre certificati.

La difficoltà nel reperire informazioni. Dal numero verde della Motorizzazione (800232323) le informazioni date a volte sono giuste, in altri casi si parla di una visita presso l’Asl di appartenenza. Difficoltà anche nel reperire i numeri di telefono delle tre commissioni (al Laurentino 38 (Asl RomaC), San Basilio (AslRomaB) e Lungotevere della Vittoria (AslRomaE) se ci si rivolge alla Asl più vicina (come quella di via dell’Acqua Donzella). Quasi panico poi, quando dicono che la visita va prenotata di persona. Ma quando? I numeri di telefono delle tre commissioni sono o perennemente occupati (quello del Laurentino 38) o sembrano non funzionanti (quelli delle atre due commissioni). Corsa alla commissione più vicina (la patente sta per scadere): gli impiegati al Laurentino 38, gentilissimi, finalmente spiegheranno la procedura. Ma i dubbi non finiscono.

Attese estenuanti. Alle tre commissioni si rivolgono tutti i residenti di Roma e Provincia che hanno un’invalidità o hanno avuto problemi con la droga o l’alcol. Il risultato? Tempi di attesa lunghissimi: se si prenotava al Laurentino 38 l’ultima settimana di settembre, si veniva visitati a gennaio. «Siamo già oberati dalle visite per le patenti speciali» spiega Luigi Tisei, presidente della commissione della AslRomaC (4.000 visite ogni anno). E figuriamoci gli ultraottantenni che di persona dovranno affrontare file estenuanti negli uffici già stracolmi di richieste. Può prenotare anche una terza persona, ma tutti consigliano di far venire il diretto interessato.

Certificati da presentare. Alla visita presso la commissione si dovrà portare l’elettrocardiogramma, un certificato di una visita geriatrica, un’autocertificazione e un certificato anamnestico fatto dal medico di famiglia. «Il ministero della Sanità deve ancora predisporre un modulo standard – aggiunge Luigi Tisei – questo crea problemi di uniformità tra i certificati presentati dai medici di famiglia». Non solo: non c’è uniformità formale neanche nei certificati medici da presentare il giorno della visita. «Di concerto con il ministero della Sanità – spiegano dal ministero dei Trasporti – predisporremo al più presto indicazioni uniformi per tutte le commissioni, evitando che gli accertamenti presso una sede siano più semplici rispetto a un’altra».

E se la patente scade in attesa della visita? Enrico Meneghin, 90 anni, ha appena prenotato la visita alla commissione della AslRomaC del Laurentino 38: dovrà presentarsi a gennaio, ma la sua patente scade il 26 settembre. Nel frattempo che farà? Meneghin risponde con un velo di tristezza: «Non potrò guidare». E invece il ministero dei Trasporti fa sapere che l’interessato, con il foglio che certifica la prenotazione della visita, può recarsi presso uno degli sportelli della Motorizzazione civile, e ottenere una proroga. L’informazione però non è stata ancora data agli uffici delle commissioni mediche. Mentre al Laurentino 38 consigliano comunque agli utente di chiedere alla motorizzazione, a Lungotevere della Vittoria sono categorici: «Se la patente nel frattempo scade non si può guidare». «Per accelerare le procedure – spiega Maurizio Ferraresi, presidente della commissione della AslRomaE dove ogni anno vengono fatte 30mila visite – attiveremo presto anche la prenotazione via internet». E il numero di telefono per ottenere le prime informazioni? Per un lungo periodo è stato irraggiungibile. «Per lavori alla palazzina» conclude Ferraresi.

fonte – ilmessaggero.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pressione pneumatici invernali: perché le gomme si sgonfiano col freddo

Automobilisti senza cintura multa

Automobilisti senza cintura: una multa ogni cinque minuti

Furti auto: i 10 modelli più rubati al 2019