Nissan Leaf: ecco i costi d'esercizio

Le auto elettriche sono ancora costose, ma Nissan dichiara che i loro costi d'esercizio irrisori compensano il prezzo d'acquisto elevato

28 marzo 2012 - 12:42

In occasione dell'imminente avvio della commercializzazione della Leaf, il suo modello tutto-elettrico (in listino a 38.500 euro “chiavi in mano” esclusa Ipt), Nissan ha comunicato le varie offerte disponibili per quanto riguarda l'aspetto della ricarica delle batterie. Presso i 16 concessionari attualmente abilitati alla vendita della Leaf saranno disponibili diverse tipologie di pacchetti “chiavi in mano” per gestire al meglio questo importante aspetto della mobilità elettrica. Di seguito, le varie proposte.

UN VENTAGLIO DI RICARICHE – Nissan s'è accordata con alcuni partner energetici (Enel e Schneider Electric) per la fornitura dei diversi servizi di ricarica. Per quello fruibile esclusivamente tramite colonnine pubbliche viene proposta una tariffa denominata “Tutto compreso – ricarica pubblica” studiata in collaborazione con Enel. Costa 25 euro al mese Iva compresa e, tramite un'apposita card, permette di fare il pieno elettrico da tutte le colonnine pubbliche gestite da Enel. È importante sottolineare che il costo mensile è fisso, cioè è indipendente dal numero di ricariche effettuate. Il pacchetto denominato semplicemente “Tutto compreso”, invece, oltre alla modalità di ricarica precedente offre anche il noleggio di una stazione domestica. Il costo è di 60 euro al mese Iva compresa per i primi sei mesi e di 80 euro dal 7° al 60° mese. Con quest'ultimo pacchetto, insomma, si ha la possibilità di ricaricare in modalità tariffaria “flat” la propria Leaf, in casa e fuori, a patto di servirsi di energia fornita da Enel. Un'altra possibilità è costituita dall'acquisto di una stazione di ricarica domestica prodotta da Schneider Electric al prezzo di 990 euro + Iva, e di sfruttare l'energia di qualsiasi fornitore con il quale si dovrà stipulare un contratto separato. Attualmente, il costo medio dell'energia elettrica è di circa 0,16 euro a kWh. A patto che l'impianto elettrico domestico sia a norma, la ricarica si può anche effettuare da una normale presa domestica tipo Schuko mediante l'apposito cavo in dotazione alle vettura, quindi senza alcun altro esborso per acquistare la stazione di ricarica.

I COSTI DI ESERCIZIO – I veicoli elettrici hanno un prezzo d'acquisto sensibilmente più elevato rispetto a quello dei concorrenti a propulsione tradizionali e ciò è tanto più vero in Italia dove tale prezzo non è ridotto dagli incentivi statali. Secondo Nissan, però, tale svantaggio viene compensato dai minori costi d'esercizio della Leaf generati da un prezzo del pieno elettrico inferiore rispetto a uno di benzina o gasolio e dalla manutenzione assai ridotta a paragone di un veicolo tradizionale. Su un'auto a batteria, infatti, sono drasticamente ridotte le parti in movimento, quindi i tagliandi di manutenzione sono ridotti all'osso e il loro costo è irrisorio perché ci sono ben pochi interventi da effettuare e parti da sostituire. Nissan Italia ha riportato qualche esempio per chiarire meglio i termini del problema. Con la tariffa Enel “Tutto compreso”, il costo medio giornaliero di ricarica sarebbe di 2,6 euro, indipendentemente dal numero di ricariche effettuate, visto che si tratta di una tariffa “flat”. Con gli stessi 2,6 euro e con gli attuali prezzi dei carburanti fossili, invece, un'auto diesel della categoria della Leaf percorrerebbe circa 28 km e una a benzina circa 23. Secondo le stime di Nissan, basate su una percorrenza annua media di 12mila km annui tipica delle vetture del segmento “B” o “C”, il costo di esercizio annuo di una Leaf in cinque anni risulta di almeno 1.500 euro più basso rispetto a quello di un'auto con motore termico, un risparmio al quale bisogna poi aggiungere quelli consentiti dalla ridotta manutenzione e dal mancato pagamento della tassa di possesso. Naturalmente rimane da stabilire l'impatto del costo d'acquisto delle batterie qualora, al termine dei cinque anni, la loro sostituzione si dovesse rivelare necessaria.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Multa Roma

Multe Roma: dal 1° novembre 6 nuove telecamere sulle preferenziali

Halloween 2020: come proteggere l’auto dai danni e cosa fare

Incentivi auto elettrica

Incentivi auto Piemonte 2020: fino a 12.000 euro con rottamazione