Nissan e Abb collaborano per il riutilizzo delle batterie

Le batterie utilizzate per i veicolo elettrici potrebbero essere riutilizzate nella vita di tutti i giorni

9 febbraio 2012 - 12:00

La realtà dei veicoli elettrici sembra concretizzarsi ogni giorno di più, viene quindi da chiedersi come potranno essere smaltite le migliaia di batterie che, con il tempo, non potranno più essere utilizzate per le vetture. La casa automobilistica Nissan, che sta ottenendo importanti successi con la sua elettrica LEAF, si sta portando avanti nella ricerca della soluzione a questo problema, che potrebbe presentarsi molti presto.

IMMAGAZZINARE ENERGIA – La Nissan North America, Inc. in collaborazione con la ABB, azienda leader nel settore delle tecnologie per l'energia e l'automazione, la 4R Energy (Riutilizzo, Rifabbricazione, Rivendita, Riciclo), azienda che studia il secondo ciclo di vita delle batterie agli ioni di litio, e la Sumitomo, società specializzata in trading, sta investendo nello studio delle possibilità di riutilizzo delle batterie agli ioni di litio, installate sui veicoli elettrici come la LEAF. Le analisi attuali stanno testando le possibili applicazioni, sia commerciali che di uso domestico, che potrebbero essere implementate, in un futuro prossimo, e che renderebbero le batterie agli ioni di litio dei perfetti sistemi di stoccaggio dell'energia. 

SISTEMI DI STOCCAGGIO – Questi sistemi permetterebbero di immagazzinare energia elettrica, in momenti di basso utilizzo, che potrebbe essere utilizzata in periodi di picco di domanda, il che darebbe l'opportunità, a ognuno di noi, di avere una riserva di energia da sfruttare in caso, per esempio, di interruzione della corrente. L'obiettivo di questo progetto è di rendere le batterie di LEAF dei contenitori di almeno 50 kWh, ovvero l'energia sufficiente a fornire corrente elettrica a circa 30 abitazioni per un'ora. 

LE BATTERIE PER VEICOLI ELETTRICI – Ciò che rende possibile il riciclo di questo tipo di batterie, è la loro “longevità”. Sembrerebbe, infatti, che le batterie dei veicoli elettrici abbiamo un ciclo di vita più lungo rispetto a quelle per PC o cellulari. Passati i primi 10 anni conservano una capacità energetica pari al 70%. 

APPLICAZIONI FUTURE – Ecco perché si è pensato di sfruttare questa lunga vita per diverse applicazioni come le smart grid (reti intelligenti) che potranno ottimizzare l'utilizzo dell'energia, integrando, ad esempio, le diverse fonti di energia rinnovabile (eolica e/o solare). Inoltre si sta valutando la possibilità di utilizzare le batterie di Nissan anche come sistemi di stoccaggio per le stesse industrie energetiche. “La capacità di gestire l'intero ciclo di vita della batteria del veicolo elettrico, anche dopo il suo utilizzo sulla vettura, è molto importante per Nissan – ha dichiarato Ken Srebnik, Senior Manager, NNA Corporate Planning – Con lo sviluppo delle reti intelligenti, le innovazioni applicate ai sistemi di stoccaggio dell'energia stanno diventando sempre più diffuse: Nissan è orgogliosa di lavorare con ABB, 4R Energy e Sumitomo per contribuire a portare queste innovazioni sul mercato”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo