Neve e maltempo: i Prefetti coordinano gli interventi per la circolazione stradale

Maltempo: una Circolare del ministero dell'Interno per migliorare il coordinamento tra le Prefetture

22 febbraio 2013 - 7:00

Mentre tengono banco le polemiche per il mancato allarme del nubifragio a Catania, c'è un “Orso siberiano” che si sta davvero facendo sentire in Italia: è il maltempo che arriva dalla Siberia. E allora il ministero dell'Interno corre ai ripari con la fresca Circolare 145 20/110(7), per il “coordinamento dell'attività dei Prefetti in materia di limitazione e sospensione della circolazione stradale”.

IN SITUAZIONE DI CRISI – I Prefetti dei capoluoghi di Regione – dice il ministero – devono assumere il coordinamento dei provvedimenti da prendere, d'intesa con i colleghi dei capoluoghi regionali limitrofi che hanno la competenza sulle arterie stradali più rilevanti, per mettere a punto un sistema di misure coordinate, coerenti ed efficaci da adottare in situazioni di crisi della viabilità a causa del maltempo. Infatti, dopo le forti nevicate che hanno interessato gran parte della Penisola, sono stati adottati singoli provvedimenti di limitazione della circolazione stradale sulla base delle allerta meteo della Protezione civile e delle indicazioni fornite da Viabilità Italia: è utile quindi il coordinamento tra le Prefetture, in relazione all'interconnessione della rete viaria di rispettiva competenza e ai conseguenti effetti dei provvedimenti di interdizione del traffico.

EVITARE I BLOCCHI – Le misure di limitazione o interdizione della circolazione, è questo il punto, sono veramente efficaci solo se disposte per aree omogenee e in coordinamento con tutte le Prefetture interessate: questo permette di evitare che da zone adiacenti a quella dove insiste il divieto possano giungere nell'area interessata flussi di veicoli che, una volta nella zona, non potrebbero essere più fermati o comunque messi in sicurezza, con conseguente rischio di gravi ed ulteriori turbative alla circolazione, già resa critica dalle precipitazioni. È necessario che a seguito delle riunioni dei rispettivi Centri di viabilità operativi (Cov), le Prefetture comunichino la situazione delle rispettive province a quella capoluogo di Regione la quale potrà fornire le indicazioni più appropriate per l'eventuale emanazione dei provvedimenti interdettivi o limitativi del traffico e delle successive revoche. A questo s'aggiunga che gli automobilisti devono attenersi scrupolosamente alle indicazioni stradali, utlizzando quando necessario pneumatici invernali o catene, a favore della sicurezza e per stare alla larga dalle multe.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Le previsioni sbagliate sulle auto elettriche smentite dalle vendite

Auto elettriche: la ricarica bidirezionale taglierà i costi delle colonnine?

Batterie auto elettriche: 7 Paesi europei si uniscono per tagliare i costi