Neve a Milano: strade davvero sicure?

Dopo la recente nevicata, il Comune di Milano dice che il piano anti neve ha funzionato. Ma molti automobilisti non la pensano così...

6 febbraio 2012 - 10:30

Cominciamo con quanto dice il Comune di Milano, dopo la nevicata degli scorsi giorni: “Il piano neve ha funzionato bene. Stiamo sostenendo un impegno economico considerevole, per garantire a tutti i cittadini di andare al lavoro e ai ragazzi di andare a scuola”, ha detto l’assessore alla Sicurezza Marco Granelli.

GRANDE SFORZO – L'amministrazione spiega di aver stanziato 2,7 milioni di euro per ripulire dalla neve le strade di Milano, a fronte di un evento eccezionale: 12-15 centimetri di neve caduti sulla città, 7-8 centimetri depositati al suolo “grazie all'intervento preventivo di salatura che ha impedito l'accumulo sulle strade”. Il Comune parla di due interventi di salatura (martedì 31 gennaio dalle 21 all'una di notte e mercoledì 1 febbraio dalle 16 alle 20) con l'impiego di 204 mezzi, e un intervento di salatura e lamatura (iniziato alle 23.30 di mercoledì) con l'impiego di 281 mezzi. Le centrali operative della Protezione civile, della Polizia locale e di Amsa (l'azienda che gestisce i servizi ambientali) “hanno monitorato le operazioni grazie al sistema satellitare Gps”. Ma, a parte le dichiarazioni ufficiale, qual era la situazione delle strade a Milano nel momento più critico?

QUALCHE DUBBIO – Francamente, senza l'intento di fare polemica a ogni costo, gli automobilisti che hanno circolato a Milano nelle ore più critiche ci hanno segnalato che di risultati se ne sono visti pochi: strade sporche, fango, ghiaccio, asfalto scivolosissimo. L'organizzazione del Comune non sembra essere stata delle migliori, a detta dei guidatori che ci hanno contattato. Il alcune zone di Milano la neve si è accumulata troppo e il traffico si è bloccato. Per fortuna poca cosa rispetto a quanto accaduto a Roma, ma sicuramente i pochi centimetri di neve caduti su Milano hanno evitato il peggio. E se ne fossero caduti 40?

MARCIAPIEDI A RISCHIO – Comunque, il Comune spiega di essere interventuto anche per i marciapiede: 100 gli agenti suddivisi su quattro turni, che coprono le 24 ore della giornata, avvertono le squadre Amsa se ci sono situazioni a rischio di fronte a proprietà pubbliche, passaggi pedonali, scuole, ospedali, fermate Atm e metropolitana. Per quanto riguarda i tratti posti di fronte a condomini e proprietà private, alla verifica sullo stato dei marciapiede segue l'intimazione a proprietari e amministratori di condominio a intervenire, ricordando che in caso di inadempienza scatterà la multa di 70 euro, come stabilito dal Regolamento di Polizia urbana.

NUMERI UTILI – Al di là delle discussioni, invitiamo a segnalare problemi di viabilità automobilistica o pedonale al numero 020208 della centrale operativa della Polizia locale. Per segnalazioni alla Protezione civile, 02.88465001 oppure salaoperativapc@comune.milano.it.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Consiglio acquisto auto 7 posti: budget fino a 35.000 euro

Le aziende che hanno investito di più nella guida autonoma di Uber

Le 10 città dove si può morire per le emissioni auto in Europa