Milano: un microchip contro i cartelloni abusivi

Ci saranno autorizzazioni più rapide agli imprenditori corretti, ma anche sanzioni immediate ai responsabili di pubblicità stradale abusiva

19 aprile 2012 - 9:00

La Provincia di Milano ha mobilitato la tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) per dare battaglia alla pubblicità stradale abusiva e ad altre irregolarità legate alle concessioni comunali.

CONCESSIONI RAPIDE, MULTE IMMEDIATE – Giovanni De Nicola, assessore provinciale alla Mobilità e alle Infrastrutture, ha presentato un progetto secondo il quale le concessioni stradali potranno essere inoltrate dal proprio pc, senza subire code e senza dover fronteggiare lungaggini burocratiche negli uffici comunali. Chiunque potra inoltrare telematicamente la richiesta, seguire in tempo reale sul monitor lo svolgimento della pratica fino alla sua approvazione e pagare la relativa concessione. Tuttavia, insieme alle agevolazioni, la tecnologia permetterà anche, ed è questa la vera innovazione, di sanzionare molto più efficacemente chi trasgredisce le regole: ogni cartellone pubblicitario sulle strade (ma anche ogni autorizzazione per cantieri edilizi o per lavori vari sulle sedi stradali) sarà georeferenziato e dotato di un chip che, interrogato dagli uomini della polizia provinciale mediante un palmare con portata di 10-15 metri, permetterà loro di accertare immediatamente se la relativa concessione è stata pagata oppure no e se il cartellone è stato collocato in base alle regole. In caso contrario, il funzionario potrà far partire immediatamente la sanzione, addebitando anche le spese di rimozione del cartellone abusivo direttamente al responsabile dell'abuso.

PREMIARE È MEGLIO CHE PUNIRE – Tuttavia, in base alla considerazione che a volte incentivare al rispetto delle leggi è più efficace che sanzionare chi le ha violate, la nuova procedura adottata dalla Provincia (e offerta gratuitamente a tutti i 134 comuni che ne fanno parte) prevede che le aziende che operano nel settore della pubblicità stradale e che rispetteranno le regole durante il periodo dell'autorizzazione già concessa verranno premiate con uno sconto del 20% sul successivo canone di concessione. “Mi auguro che il principio della logica premiante – ha dichiarato l'assessore De Nicola – si possa estendere anche a tutti gli altri ambiti di intervento pubblico. Da troppi anni abbiamo subito l'abusivismo sulle strade provinciali a causa di sistemi di rimozione antieconomici e incapaci di disincentivare l'illegalità: cartelloni pubblicitari e segnaletica senza permesso hanno campeggiato indisturbati ai margini delle strade offendendo il paesaggio e procurando un danno agli automobilisti, continuamente distratti, e a quelle aziende che invece agiscono seguendo le regole. Ora ontrastiamo l'abuso con il ricorso a innovazioni e informatica, rendendo più efficiente, rapido e semplice il rilascio delle autorizzazioni”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kia Polonia: cartello su auto nuove, l’accusa dell’Antitrust

Incendi veicoli elettrici a Londra: +300% nel 2021

Sciopero 25 febbraio 2022 metro bus

Fermata autobus: regole per veicoli e pedoni