Milano, percorsi ciclabili in vista dell'Expo

A Milano si lavora allo sviluppo di una pista ciclopedonale in vista dell'Expo

21 marzo 2012 - 15:20

L'Expo 2015 si avvicina e Milano cerca di recuperare gli anni persi a causa di lavori lenti e quindi poco produttivi. Il tentativo è quello di rendere la città più simile alle più grandi capitali europee e, per far questo, è necessario pensare anche ad una mobilità più sostenibile e dunque allo sviluppo di piste ciclopedonali con tratti di percorrenza lunghi e ben organizzati.

PERO E RHO – La pista, di cui ha parlato l'Assessore alle infrastrutture e mobilità della Provincia di Milano, Giovanni De Nicola, è stata presentata a Pero e si svilupperà andando a sfruttare il tracciato già presente sul territorio di Rho, dove l'anno scorso è stato realizzato il ponte ciclopedonale sulla ferrovia. 

LA PISTA – Il progetto vede lo sviluppo di una pista della lunghezza di 6,5 km, cui tragitto collega la fermata metropolitana di Molino Dorino con la sede dell'Esposizione Universale, in corrispondenza della pista ciclabile Villoresi-Expo. Il progetto per questa pista prevede anche lo sviluppo di due diramazioni di 1.340 metri che andranno ad unire il tracciato alle piste dei comuni di Rho e Pero, a loro volta connessi ai parchi del nord Milano. Per l'implementazione di questa pista ciclopedonale, è stata prevista la costruzione di due importanti opere quali i ponti di attraversamento della Strada Statale del Sempione e sull'Olona. 

PAROLA ALL'ASSESSORE – “Vogliamo realizzare un progetto moderno, funzionale e di grande qualità, ma anche un'opera che realmente rappresenti l'identità delle persone e del luogo nel quale si trova – ha dichiarato De Nicola – E lo faremo caratterizzandola con arredi esclusivi lungo tutto il tracciato, fontanelle, sculture e panchine ed altri elementi nei punti di sosta e ristoro. Una pista gradevole e dai ridotti costi di manutenzione perché la Milano-Expo sarà il nostro biglietto da visita nel semestre dell'esposizione ma, anche, un'opera che resterà sul nostro territorio per ricordarci che in bicicletta si può passare una gradevole domenica di svago e muoversi quotidianamente per andare a scuola o al lavoro. Il progetto è all'interno di una serie di interventi a sostegno e promozione della mobilità ciclopedonale come il Registro pubblico delle biciclette inaugurato nel corso del 2010 o il completamento delle numerose ciclabili interrotte”

LE TEMPISTICHE – Nella speranza che si realizzi tutto entro il 2015, il programma prevede l'approvazione della progettazione definitiva entro settembre 2012, l'approvazione  della progettazione esecutiva entro gennaio 2013, il termine delle procedure di gara entro giugno 2013, per poi arrivare a fine lavori entro il marzo-aprile 2014, così che i Milanesi possano avere il tempo di sperimentare l'opera ciclopedonale entro l'inizio dell'Expo. Sembra dunque che Milano sia intenzionata ad impegnarsi sulla strada della mobilità ecosostenibile, lo dimostrano la volontà di sviluppare questa nuova pista ciclopedonale, ma anche l'adesione del Sindaco Pisapia all'iniziativa #salvaiciclisti, di cui vi abbiamo spesso raccontato, cui stanno aderendo molti sindaci italiani.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali dal 15 novembre: cosa rischia chi guida senza pneumatici invernali

T-Red a Torino

T-Red a Torino: mappa dei 14 incroci controllati dai dispositivi

Garanzia auto usate Codice del Consumo

Auto usate in calo: ad ottobre arranca anche il diesel