Michelin insegna sicurezza a scuola con Mobilitàzione sostenibile

Michelin parla ai ragazzi di tutte le scuole di sicurezza stradale, ambiente e mobilità sostenibile. In premio 3000 euro

12 febbraio 2013 - 7:00

E' giunta alla sua sesta edizione l'iniziativa Mobilitàzione sostenibile che Michelin propone alle scuole di ogni grado, per offrire un'interessante opportunità formativa non solo ai ragazzi dalle elementari alle superiori, ma anche ad insegnanti e famiglie. Il progetto si basa sulla sensibilizzazione alla sicurezza stradale, al rispetto dell'ambiente e a rendere più eco-compatibile lo stile di vita già dalle più semplici azione che un bambino è in grado di fare ogni giorno. Il percorso formativo darà la possibilità agli studenti di vincere dei premi in denaro da 1500 a 3000 euro per le spese scolastiche.

LA SICUREZZA PER TUTTI – Il progetto Michelin vuole proporre una finestra di dialogo in tutte le scuole che parteciperanno all'iniziativa, offrendo a tutte le classi del kit gratuiti specifici per ogni grado d'istruzione, che aiuteranno gli insegnanti a discutere con gli alunni di sicurezza stradale, ambiente e mobilità sostenibile. Ovviamente per ogni età è stato ideato un percorso formativo adeguato che sia in grado far riflettere su come migliorare la mobilità sulle nostre strade, assumere comportamenti responsabili, sicuri e rispettosi dell'ambiente. Michelin afferma che sono stati prenotati già 2200 kit dalle scuole italiane di ogni grado.

UNA STORIA DIVERSA PER OGNI ETA' – Alle scuole elementari i bambini saranno guidati dall'insegnante in un racconto fantastico (la terza fiaba della serie Michelin sulla sicurezza stradale) che prende vita a Precisonia, la città delle regole, dove gli alunni potranno comprendere le basi per muoversi in sicurezza. Il kit per i più piccoli è corredato da una guida e un poster per l'insegnante e una copia della storia per ogni bambino. I ragazzi delle medie, invece, vivranno un'avventura su un altro Pianeta con Gordox, un fumetto che spiega l'importanza di rendere sicuro e sostenibile ogni viaggio. Per le scuole superiori il dibattito sarà improntato su temi che spaziano dalla fisica all'economia, matematica, filosofia e letteratura. Gli studenti ormai prossimi alla maggiore età e futuri automobilisti avranno l'opportunità di apprendere e approfondire le basi culturali di un corretto comportamento al volante.

PREMIO MICHELIN – Il progetto Mobilitàzione sostenibile 6 offre degli utili strumenti didattici anche sul portale www.michelinfascuola.it, dove gli alunni possono esercitarsi da casa a mettere in pratica le 10 regole d'oro apprese a scuole attraverso giochi, video e attività interattive. Il percorso formativo metterà in palio il Premio Michelin 2013 che andrà ai migliori alunni che daranno un valore aggiunto attraverso riflessioni proprie alle linee guida del corso. In base alle diverse modalità per ogni grado scolastico, la premiazione per i migliori classificati prevede l'assegnazione di 3000 euro da investire in materiale didattico. Gli studenti degli ultimi due anni delle scuole superiori,invece, avranno un bonus fino a 1500 euro, come rimborso delle spese universitarie (tra cui libri e materiale didattico) per il primo anno accademico.

10 REGOLE DA RICORDARE – Il progetto Mobilitàzione sostenibile nelle aule scolastiche focalizza l'attenzione degli studenti sulle 10 Regole d'Oro della sicurezza stradale, il decalogo del bravo automobilista che SicurAUTO ricorda spesso ai suoi lettori e che riportiamo di seguito:

  • allacciare le cinture;
  • osservare il Codice della Strada;
  • non superare i limiti di velocità;
  • controllare la pressione e l'usura degli pneumatici;
  • non guidare dopo aver bevuto o assunto sostanze;
  • assicurare i bambini sui seggiolini;
  • non parlare al cellulare durante la guida;
  • fare le corrette pause durante il viaggio;
  • indossare il casco alla guida delle due ruote;
  • rispettare tutti gli altri utenti della strada.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

L’auto elettrica si ricarica in viaggio: l’idea diventa realtà sull’A35

Pneumatici auto: quali scegliere e come leggere le sigle

Ritorno in zona gialla della provincia di Bolzano: cosa si può fare