Mercedes ottiene la licenza per testare la guida autonoma in California

Il permesso speciale consentirà alle auto tedesche senza pilota di imparare a gestire le strade americane molto diverse da quelle europee

26 settembre 2014 - 9:00

Mercedes-Benz potrà da oggi condurre i test nel traffico della Silicon Valley con le auto a guida autonoma. Grazie alla licenza (foto in alto) che possono ottenere le Case costruttrici nell'ambito della ricerca sulle tecnologie per la guida senza l'intervento del pilota, la Casa di Stoccarda manderà per le strade californiane le più recenti Classe E e Classe S con equipaggiamenti speciali. I test permetteranno alle auto di acquisire nuove informazioni in un ambiente stradale molto diverso da quello di casa, dove le auto Mercedes già hanno dimostrato di sapersi muovere autonomamente nel traffico cittadino.

NUOVE REGOLE DA INSEGNARE ALLE AUTO – Daimler si prepara a conquistare un pezzo di America con le sue attività di sperimentazione della guida autonoma, finora condotte solo per le strade della Germania. Grazie all'approvazione in Senato della proposta di legge n.1298, Mercedes Benz ha ricevuto la licenza per testare auto a guida autonoma nel traffico. La svolta legislativa che apre le porte all'automatizzazione della guida è una grande opportunità per scoprire come reagiscono le auto su strade molto più ampie di quelle tedesche che già conoscono e dove anche la viabilità si basa su regole totalmente diverse. “Grazie a questa autorizzazione abbiamo la possibilità di portare la guida autonoma ad un livello superiore anche negli Stati Uniti”, ha dichiarato Thomas Weber, Responsabile Group Research e Mercedes-Benz Cars Development.

COSA CAMBIA TRA GERMANIA E CALIFORNIA – Le differenze tra Germania e Stati Uniti che le auto a guida autonoma dovranno imparare sul campo sono significative. Mentre in Europa si viaggia più frequentemente su strade strette, quelle d'Oltreoceano sono spesso più ampie e hanno più di sei o addirittura otto corsie. I semafori si trovano sul lato opposto della strada, le auto si immettono nella circolazione da numerose vie secondarie e negli incroci a 4 strade (4-way stop) chi arriva per primo ha la precedenza. “Dobbiamo quindi 'insegnare' alle auto impiegate per le nostre ricerche a reagire alle situazioni tipiche che si verificano negli Stati Uniti.” sottolinea Axel Gern, Responsabile Autonomous Driving al Mercedes-Benz Research and Development North America.

LA SICUREZZA DEGLI ALTRI UTENTI E' UNA PRIORITA' – Le auto Mercedes Benz impiegate nei test americani saranno le ultime Classe E e Classe S, con tutti gli equipaggiamenti di sicurezza idonei a risolvere eventuali inconvenienti tecnici durante i test su strada. Al volante di ogni vettura sperimentale ci sarà sempre un conducente appositamente preparato, come impone il DMV (Department of Motor Vehicles) della California. Il conducente deve riconoscere chiaramente se l'auto sta viaggiando in modalità “self-driving” e deve essere in grado di intervenire su quest'ultima in qualsiasi momento. L'auto deve inoltre essere in grado di fermarsi autonomamente in qualsiasi circostanza. “In Germania, già ad agosto 2013, abbiamo dimostrato sul percorso fatto da Bertha Benz che, dal punto di vista tecnico, è possibile viaggiare nel difficile traffico cittadino ed extraurbano con auto senza conducente”, ha ricordato Thomas Weber.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Telepass assicurazione RC auto

10 errori da non fare al casello in autostrada

Auto in sosta vietata a Roma

Auto in sosta vietata: a Roma una app per segnalarle

Multa con Autovelox annullabile

Multe autovelox: dopo 10 anni arriva il Decreto su come impiegarle